martedì, dicembre 23, 2008

IERI "TRUFFA" OGGI "BUONA FEDE": MA CHI CREDE ALLA FAVOLETTA?

Vi proponiamo il testo integrale dell'articolo pubblicato oggi su Libero-News.it a firma di Luciano Moggi. Al Direttore vanno i nostri migliori auguri di Buon Natale e Buon Anno.
Qualche anno fa la Juventus fu favorita da un errore e vinse a Verona contro il Chievo: errore molto meno evidente di quello capitato all’inter nella trasferta di Siena. “Qualche” giornale titolò allora: «Scandalo a Verona». Per l’inter di Siena il titolo della rosea è stato... Continua a leggere...

lunedì, dicembre 22, 2008

AMMESSO E NON CONCESSO














Ammesso e non concesso che Marchionni fosse in fuorigioco nell'azione che ha procurato il primo gol della Juve a Bergamo, solo chi non capisce di calcio può fare un confronto tra una situazione del genere e lo scandalo andato in scena ieri a Siena...

Clicca qui per guardare i tre gol rifilati dalla Juve all'Atalanta.
Clicca qui per guardare l'"ultima perla del 2008" alias "lo scandalo di Siena".

domenica, dicembre 14, 2008

IBRAHIMOVIC SALVA L'inter CONTRO IL CHIEVO

E noi per l'ennesima volta rendiamo grazia alla nuova triade interista:
San Elkan intercedi per l'inter...
San Conigli Gigli intercedi per l'inter...
San Sblanc intercedi per l'inter.
Li mortacci loro...

sabato, dicembre 13, 2008

LA JUVE NEL PAESE DI GIRALARUOTA

Dall'Editoriale di Magazine Bianconero di oggi, sabato 13 Dicembre.
(www.magazinebianconero.com)

Ieri abbiamo ricevuto una mail che ci ha illuminato la giornata. "Salve, mi chiamo Giacomo e sono juventino da sempre. Nei giorni scorsi mi sono recato in libreria per acquistare un libro sul Natale. Mentre mi aggiravo tra i vari scaffali, una copertina ha colpito la mia attenzione. Quando poi ho visto una maglia bianconera con 2 scudetti, la curiosità è aumentata a dismisura. Continua a leggere...

lunedì, dicembre 01, 2008

GUARDA COME GONGOLA









Da Martire de noiartri a Gongolo dei leccapiedi,

questa è la recente evoluzione di Ranieri che intervistato oggi da RAI Radiouno ha ceduto agli adulanti sberleffi del giornalista, gongolandosi beato dei falsi elogi senza capire che lo stavano prendendo per i fondelli.
Ranieri si è a sua volta ricoperto di patacche, autocomplimentandosi per i "grandissimi miglioramenti" fatti quest'anno dalla squadra, che "ambisce a essere l'alternativa all'inter".
Forse l'ennesima vittoria contro una squadra decotta gli ha frullato ciò che gli rimane di materia grigia, ma dei grandissimi miglioramenti non se n'è accorto nessuno (a meno che trovarsi a 6 punti dall'inter a metà campionato non sia da considerarsi un fatto positivo). Inoltre noi tifosi di serie B non vogliamo essere l'alternativa all'inter, ma ci accontenteremmo di stargli davanti.

Gongolo Ranieri: un gigante tra i nani del calcio.

domenica, novembre 23, 2008

I SEGNI DEL DESTINO

Attorno e durante inter - Juventus si è consumato il dramma del nostro destino di veri tifosi juventini (o tifosi di serie B come direbbe l'infame Conigli Gigli).

La tragicommedia in tre atti è andata in scena così:
1° Atto "Ouverture dello Stolto" ad opera di Conigli Gigli, che proclama dall'alto della sua competenza che la Juve vincerà per 2-1. Al Presidente infame diciamo che non è con le dichiarazioni porta sfiga che può fingere di essere juventino, purtroppo era e rimane un interista.
2° Atto "La Flagellazione del Martire" va in scena a San Siro, dove martire Ranieri si offre in pasto alla folla di barbari come vittima sacrificale e viene metaforicamente sbranato dal'arbitro attraverso un macroscopico rigore negato (vedasi inter-no-grazie). Era proprio contro questo genere di soprusi che si batteva un certo Moggi, ma l'attuale dirigenza ci preferisce nel ruolo di vittime predestinate.
3° Atto "Il Silenzio degli Innocenti" è il silenzio di coloro che con il passare del tempo si rassegnano alla triste realtà e rinunciano a lottare contro una dirigenza traditrice ed incompetente, che ci obbligherà per sempre a galleggiare sotto le migliori del campionato (per la cronaca siamo già a 6 punti dall'inter e si profila un bis del campionato scorso).

Lo abbiamo detto e lo ribadiamo, senza una nuova dirigenza ed un nuovo allenatore non c'è futuro.

mercoledì, novembre 19, 2008

IMPRESSIONISMO


Da una recente intervista a Conigli Gigli:
"Se potessi scegliere, farei a cambio, piuttosto che uno scudetto meglio una coppa in più nella sala dei trofei. Ci sono solo due Champions, un po' poco rispetto al Real Madrid. Milan e Inter sotto questo aspetto fanno impressione...".
Ancora una volta il presidente interista della Juve ha perso una buona occasione per stare zitto... e se c'è una cosa che fa impressione, presidente, è la sua conoscenza della storia della Juve...!!!

lunedì, novembre 17, 2008

FUGA DEI CERVELLI

Conigli Gigli su Del Piero-Ibra:
"Erano una coppia impossibile, difficilmente declinabile nella stessa squadra, separandosi ognuno dei due ha dato il meglio di se stesso"
Secco sulla cessione di Ibra:
"Noi quest’anno abbiamo preso dal Palermo Amauri, un centravanti che se vogliamo ha anche caratteristiche simili allo svedese"

domenica, novembre 09, 2008

ALESSANDRO DEL CHIEVO











Clicca QUI (Football Mighty)
Clicca QUI (Libero Video)

giovedì, novembre 06, 2008

WONDERFUL TONIGHT













Clicca QUI (JV Press & More)
Clicca QUI (Football Mighty)
Clicca QUI (All Video - commento Caressa/Mauro)
Clicca QUI (Libero Video - commento Cerqueti/Bagni)

domenica, novembre 02, 2008

IL LUNGO PONTE DEI MORTI

Ben vengano le vittorie, anche quelle tirate per i capelli come contro il Bologna, ma rimaniamo con i piedi piantati per terra e guardiamo in faccia la verità: le ultime tre partite di campionato sono state una specie di vacanza durante la quale ci è stato concesso di giocare contro gli zombie del campionato.

In effetti non si possono definire altrimenti Torino, Bologna e Roma che occcupano tutte le ultimissime posizioni in classifica, manca solo il Chievo all'appello e la lacuna verrà colmata già dal prossimo turno.
Quindi prima d'impazzire di gioia per aver raggiunto il 6° posto (ma come ci hanno ridotto ?), aspettiamo di affrontare avversari seri.

Ora e sempre VIA GLI ELKAN DALLA JUVE !

giovedì, ottobre 30, 2008

QUANDO SI DICE LA SFIGA...

Blanc de Sblanc non fa in tempo a scaricare su Roberto Bettega la responsabilità dell’acquisto di Tiago che il Portoghese gli scodella una partita da 7…
Che dire? quando uno è sfigato…

domenica, ottobre 26, 2008

MEA CULPA

Lo ammettiamo: ci eravamo sbagliati.

Lapo & Co. hanno creato una grande squadra, la società è presente, l'allenatore un grande.

Siamo risaliti al 10° posto in classifica, la crisi è finita. Andate in pace.

Amen.

martedì, ottobre 21, 2008

CRAVATTA 2.0

Abbiamo appena visto Marchisio uscire dal campo in barella e su questo momento "nero", sugli infortuni a raffica in particolare, azzardiamo un'altra ipotesi: non sarà che sta cravatta porta sfiga? Tutta nera, con quelle due lunghe strisce bianche... non sarà una "fattura" di Lapo El Can...?

TROPPO FACILE

Ci piacerebbe aprire questa lettera aperta con ben giustificate invettive, ma sarebbe troppo facile, allora vogliamo ripercorrere alcune delle tappe salienti del nostro calvario così che quando le invettive arriveranno, saranno ancor più giustificate.

Tutto inizia con una società formata da persone con intelligenza, competenza professionale, passione e forza di volontà. Presieduta dal grandissimo Umberto Agnelli (succeduto al fanfarone padre di Montezemolo) e coadiuvato da Moggi, Giraudo e Bettega. Sulla panchina siedono i due più grandi allenatori di tutti i tempi, vincitori di scudetti in tutti i campionati più difficili del mondo e trionfatori con le nazionali italiana ed inglese. In campo scendono ne più ne meno che i campioni del mondo 2006. Negli anni precedenti hanno anche vinto la Champions e raggiunto più volte la finale (alla faccia dell'inter che in campo internazionale non riesce a corrompere gli arbitri come fa in Italia).

Purtroppo Umberto muore e come in una faida medievale il figlio del fanfarone ed i nipoti del fanfarone organizzano un colpo di stato per estromettere il cugino Andrea dalla successione, l'operazione viene svolta con la collaborazione di Tronchetti Provera, Moratti e Prodi che ricorrono a mezzi illegali coperti da finti suicidi (reali omicidi) quando la verità rischia di venire a galla. Mentre la Vecchia Signora attirata in un vicolo oscuro viene pugnalata a morte dagli sbirri interisti, Montezumolo ed i perfidi cugini El Can che lì l'hanno attirata, assistono in silenzio alla scena (ricordate le società che non si difende e l'Avvocato cazzone che si autoaccusa?).

Ora che sono padroni del campo, mossi dalla gelosia nei confronti di Andrea, si accingono a dimostrare che anche loro sono capaci e non sono dei coglioni come tutti pensano, ma ahinoi i fatti dimostrano il contrario.

In perfetto stile salottiano savoia si contornano di finti nobili e pseudo ermafroditi, che si distinguono per la parlata sofisticata caricaturale (Conigli Gigli ne è l'esempio perfetto, ci ricorda alcuni personaggi di "una vita difficile" con Albertone Sordi - vedasi la scena della cena per ascoltare i risultati del referendum monarchia-repubblica), ma che sono completamente privi di contenuti quali l'intelligenza e la competenza. Così mentre zio Montezumolo consegna il giocattolo Juve ai nipotini El Can, che si dilettano a giocare con le bambole ed i trans, la squadra viene affidata ad un'accozzaglia d'inetti che fa rabbrividire. Oltre al nobil Conigli, viene chiamato certo Blanc de Sblanc che si distingue per essere un mercenario dal passato tennistico (però con un ascent franscese che fa molto sofistiqué, ma quant'è carino), che procede insorabilmente a regalare i pezzi più pregiati all'inter (Ibra e Vieira) ed a buttare alle ortiche tutto il vivaio. In tre anni percontro acquista a peso d'oro giocatori negati che mai scenderanno in campo. Ciliegina sulla torta è martire Ranieri uno nato perdente, ma così perdente che non ci divertiamo nemmeno ad insultarlo.

Eccole cari amici le radici del disastro, che si basano tutte su fatti concreti figli dell'incapacità della dirigenza. Come vedete il problema (e la soluzione) sta sempre nel manico, pertanto v'invitiamo ad unirvi a noi nel reclamare giustizia ed un futuro migliore: VIA GLI ELKAN DALLA JUVE !!!

venerdì, ottobre 17, 2008

LA ROSEA CI RICASCA

I fortissimi poteri antijuventini che agiscono anche con il compiacimento della nostra immonda dirigenza sono di nuovo all'opera.

In particolare segnaliamo i metodi stalinisti della rosea, il giornale morattiano che funge da organo di propaganda per cancellare la memoria ed alterare la storia. Nella giornata di ieri infatti sono usciti due articoli osannanti Lippi Marcello e Capello Fabio, il primo per aver raggiunto il mitico record di Pozzo con ben 30 partite utili consecutive alla guida della nazionale, il secondo per essere stato incoronato vicerè d'Inghilterra dopo un avvio strepitoso alla guida della nazionale inglese. Ebbene, come ai tempi di Stalin in entrambi i casi la Juve è diventata una "non persona", ovvero è stata volontariamente omessa ogni referenza all'esperienza Juventina dei due grandi allenatori.

La volontà è palese perchè se si ricordasse al lettore che la Juve è stata grande perchè incorporava il 90% della nazionale campione del mondo, perchè era allenata dal CT campione del mondo ed anche dall'attuale CT dell'Inghilterra risorta, nonchè vincitore anche con Milan e Real Madrid (gli unici citati nell'articolo), ebbene dicevamo allora al lettore potrebbe venire il dubbio, anzi la certezza, che la Juve di Umberto Agnelli ha vinto e stravinto perchè era la miglior squadra del mondo alla faccia di tutti i regimi neostalinisti di mo ratti & Co.

Ovviamente l'Allegra Fattoria alias dirigenza Juventina tace ed acconsente.

domenica, ottobre 05, 2008

STUPITI DA CHI SI STUPISCE

Sarebbe veramente troppo facile se un gruppo dirigente formato esclusivamente da incompetenti, mercenari, martiri e culattoni vari, riuscisse poi ad avere successo. Nella realtà ci vogliono persone competenti, appassionate e dure a morire (leggasi la Triade coadiuvata da Capello o Lippi) per emergere.
Date le circostanze siamo stati facili profeti dell'ovvio ed oggi ci sorprende vedere che tanti tifosi juventini lapizzati siano sorpresi dello splendido 11° posto che ci regala l'allegra fattoria di Conigli Gigli, Blanc de Sblanc e Slappo El Can.
Invochiamo pertanto la divina provvidenza e speriamo che un giorno Andrea Agnelli trovi la forza per scrollarci di dosso i perfidi cugini cinofili, altrimenti la via del fallimento perenne sarà l'unica certezza.

mercoledì, ottobre 01, 2008

CHI CI CREDIAMO DI ESSERE ?

O forse dovremmo dire "chi si credono di essere ?"

Un anno fa scrivevamo su questo blog che la Juve del nuovo corso si sarebbe dibattuta PER ANNI E ANNI tra il 3° ed il 5° posto in classifica. Ebbene, i nostri più temuti presentimenti si sono avverati lo scorso anno e si stanno avverando anche quest'anno.

Non capivamo il beato e beota entusiamo degli Juventini lapizzati (dopo tutto nello scorso campionato siamo finiti ad anni luce dall'inter), così come continuiamo a non capire l'irrealistico ottimismo dei tapini lapini all'inizio del campionato in corso.

Le nostre previsioni purtroppo si basano sui fatti:
  1. l'alta (si fa per dire) dirigenza è composta dall'antimateria del calcio, sarebbe troppo facile se persone completamente incompetenti potessero avere successo nel campo del calcio solo perchè sono amiche di Lapo e Patrizia
  2. l'allenatore era e rimane per noi un martire, ovvero il prototipo del perdente felice di essere di tale
La JUVE non merita nè gli uni nè l'altro ma, apparentemente, la tifoseria Juventina non è capace di mobilitarsi per defenestrarli. Allora speriamo solo che la crisi economica che investirà la Fiat a breve non li porti a svendere anche Giovinco e Iaquinta (come hanno tentato di fare nel recente passato) per tenersi Sissoko.

Ora e sempre il nostro credo è uno solo: via gli infami traditori dalla JUVE, via gli Elkan e i loro servi !

giovedì, settembre 18, 2008

PALLONE D'ORO

video

mercoledì, settembre 17, 2008

IL CERVELLO DI FLORO











Le dichiarazioni di Floro Flores nel dopo Juve - Udinese:
“Capisco che contro la Juventus e` difficile che possano fischiare un rigore al novantesimo. Ma il rigore c’era ed era netto. Non avevo alcun motivo di buttarmi a terra, ero solo davanti a Buffon ed ero pronto a calciare quando ho sentito una spinta e sono caduto."
Il cervello di Floro al 90' di Juve - Udinese:
“mannaggia… sta palla è troppo alta per poterla calciare... devo rallentare… ..zzo… Buffon mi è quasi addosso… e ho Chiellini appiccicato al culo… ...no, non ce la faccio… e sai che c'è? … mo' mi butto… tanto qualche milione di coglioni che dirà che era rigore si trova sempre se c'è di mezzo la Juve…"

martedì, settembre 16, 2008

CHI OFFRE DI PIU' ?

Conigli Gigli: "darei un anno della mia vita pur di vincere la Coppa dei Campioni"...

Noi ne daremmo dieci...
della sua vita professionale si intende...
presidente.

venerdì, agosto 29, 2008

ZENIT...?

... j'adore ces montres...!

lunedì, agosto 18, 2008

VINCEREMO IL TRICOLOR...

Trofeo Berlusconi
Milan - Juventus 4-1






Parte bene la Juve (al 18’ un gran gol di Amauri su assist di Del Piero viene annullato per fuorigioco) mentre il Milan fa fatica ad organizzarsi.
Poi (è il 21’) un violento cross di Janculowski finisce in rete con Chimenti intento a proteggersi la pelata da un attacco di noiosissimi tafani (1-0).
La Juve tenta di reagire ma il Milan raddoppia dopo appena 4 minuti, complice l’intera difesa bianconera: Clarence Seedorf (ancora il migliore in campo) fa fuori Grygera sulla sinistra e mette una palla col conta giri sul secondo palo; Ambrosini si avventa su palla e palo e mette dentro di testa (2-0).
Ci sarebbe tutto il tempo per rimediare, è successo altre volte tra Juve e Milan, ma al 35’ il ginocchio sinistro di Chiellini si torce in un pressochè inutile contrasto con Paloschi.
Chiellini esce tra le lacrime e il dannatissimo Berlusconi della Juve finisce qua.
Tra il terzo e il quarto gol del Milan (Superpippo al 52’ e ancora Ambrosini al 79’) da registrare al 70’ un gran gol del giovane Pasquato su assist di Fausto Rossi, entrambi provenienti dal vivaio di Moggi-Giraudo-Bettega.

Due parole su Tiago Cardoso Mendes: è stato l'uomo in più del Milan e saremmo pronti a scommettere che non si sia trattato di un caso ma di una precisa volontà. Per lui ci sarebbe voluto Moggi, ma se ci fosse stato Moggi potete stare certi che non ci sarebbe mai stato Tiago...

sabato, agosto 16, 2008

IL SAGGIO DI BARIVECCHIA

Antonio Cassano, ieri in conferenza stampa, dopo aver stilato la sua personale classifica dei migliori calciatori in circolazione (nell’ordine: Messi, Ronaldinho e Cristiano Ronaldo) ha gelato le ambizioni della Juve in Champions: "Loro in finale? Sarebbe più di un miracolo, coglierebbero un risultato già straordinario se arrivassero agli ottavi”.

Ci voleva il Saggio di Barivecchia per riportarci un po' con i piedi per terra...

domenica, agosto 10, 2008

PREGHIAMO

Arsenal To Move For Juventus Prodigy Giovinco
Arsenal are preparing a £5.9million (€7.5m) offer for Juventus starlet Sebastian Giovinco, but will face a fight from La Vecchia Signora, who do not want to sell their talented midfielder, according to Calciomercato.

The Gunners have been tracking 21-year-old Giovinco for a while now and the Juve Youth Academy product has been in sublime form for Le Zebre. With Juve boss Claudio Ranieri seeing the youngster as the heir to Czech legend Pavel Nedved.

Giovinco has attracted interest in Serie A from the likes of Palermo, but Juventus have so far resisted any advances for one of the brightest young talents in Italian football and is currently displaying his skills at the 2008 Bejing Olympics.

However, Calciomercato claim that Arsenal will test the resolve of the Turin side with a £5.9million (€7.5m) offer to lure the player known as ‘The Atom’ to the Emirates Stadium.
La notizia (fonte: "Premiership latest") riguarda una nuova offerta che l'Arsenal avrebbe confezionato per acquistare il cartellino di Sebastian Giovinco. In se la notizia non ci allarmerebbe se non fosse per il fatto che l'importo dell'offerta, 7.5 Milioni di Euro, in un'altra occasione (i.e. svendita di Nocerino al Palermo) ha procurato picchi di eccitazione nei liquidatori di Corso Galfer culminati in veri e propri orgasmi di fronte alla prospettiva di incassare l'importo della svendita diluito in 3 anni...

domenica, luglio 27, 2008

BORUSSIA - JUVENTUS (1-3)

Guarda il video

Al Signal Iduna Park finisce 3-1 con reti in apertura di Amauri e doppietta nella ripresa di Iaquinta. Di Kruska, su rigore, la rete dei tedeschi.

La Juve del primo tempo: Buffon, Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro. Camoranesi, Sissoko, Zanetti, Nedved, Amauri (in gol al 5' del primo tempo su traversone basso di Grygera) e Trezeguet.

Nella ripresa: Subito dentro Zebina, Legrottaglie, Knezevic, Marchionni, Ekdal, Del Piero e Iaquinta (in gol al 51’ di testa su perfetto cross di Nedved e al 75' su perfetto lancio di Poulsen da 50 metri). Poi Fausto Rossi per Nedved, Salihamidzic per Molinaro, Chimenti per Buffon e Poulsen per Sissoko.


sabato, luglio 26, 2008

PARAPRAXIS







L’amichevole della Juve con il Borussia Dortmund in programma questa sera non ha avuto luogo a causa di un violento nubifragio che si abbattuto su Perugia e che ha letteralmente inondato il terreno di gioco e gli spogliatoi. Giusta la decisione dell’arbitro di annullare l’incontro. L’incontro è stato rinviato a domani pomeriggio ...

venerdì, luglio 25, 2008

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Ormai l'ha capito anche il computer che Fiorentina e Juve giocano solo per il terzo e quarto posto...

domenica, luglio 20, 2008

NOSTALGIA






Grazie Trillo (...)

martedì, luglio 15, 2008

JUVENTUS - PIACENZA (0-1)












JUVENTUS:
Belardi (1’ st Fiory)(32’ st Nocchi); Zebina (19’ st Grygera), Legrottaglie, Mellberg (1’ st Ariaudo), Molinaro; Marchionni (1’ st Esposito), Tiago (1’ st Ekdal), Zanetti, Nedved (1’ st Rossi); Amauri (19’ st Castiglia), Trezeguet (1’ st Pasquato). A disposizione: Nocchi, D’Elia, Duravia, Bamba, De Paola, Almiron. All. Ranieri.

PIACENZA: Cassano, Abbate, Zammuto, Bianchi, Olivi, Anaclerio, Stamilla, Riccio, Simon, Guzman, Piccolo. A disposizione (tutti entrati nella ripresa): Maurantonio, Avogadri, Bini, Wolf, Calderoni, Nainggolan, Patrascu, Rantier, Tulli, Aspas, Maccoppi, Guerra, Ciarrocchi. All. Pioli.

RETI: 29’ pt Simon.

lunedì, luglio 14, 2008

JUVENTINIVERI COMPIE 2 ANNI

sabato, luglio 12, 2008

GO TO SWEEP THE SEA...!!!

Non è ancora stato ufficializzato ma pare ormai certo che Christian Bager Poulsen sia un giocatore della Juve. Al Siviglia (che lo ha ceduto a malincuore…) andranno 10 milioni di Euro, somma che le volpi di corso Galfer accetteranno di pagare in un’unica tranche. Al “fuoriclasse” danese andranno 3 milioni di Euro a stagione per 4 anni.

Ecco uno stralcio della scheda tecnica di Christian Bager Poulsen (fonte: Wikipedia):
Nato il 28 Febbraio 1980. Giocatore di grande dinamismo e abilità nella corsa. Non realizza molti gol, ma è comunque un elemento prezioso per la squadra, anche se a volte troppo irruento negli interventi e negli atteggiamenti nei confronti degli avversari.

Mentre questo è lo stralcio della scheda tecnica di Antonio Nocerino, uno dei migliori prodotti del vivaio della Juve di Moggi Giraudo e Bettega, svenduto al Palermo di Zamparini dai criminali di Corso Galfer per 7,5 Milioni Euro.
Nato il 9 Aprile 1985. Abile incontrista, si distingue per la carica agonistica e la resistenza atletica, doti cui abbina una buona tecnica, che gli permette di essere pericoloso in zona gol, soprattutto con tiri da fuori area e pericolosi inserimenti. È un giocatore di temperamento e personalità.
Un consiglio "appassionato" ai liquidatori di corso Galfer: andate a scopare il mare...!!!

mercoledì, luglio 02, 2008

SERIAL SELLERS

Dopo aver svenduto Davide Lanzafame al Palermo (Pierluigi Casiraghi, uno che di attaccanti se ne intende, lo aveva recentemente paragonato nientemeno che a Cristiano Ronaldo...) la Juve ha reso nota anche la cessione di Rey Volpato al Bari. Anche per il giovane attaccante toscano i criminali di Corso Galfer hanno optato per una cessione definitiva con accordo di partecipazione. Talmente irrilevanti i termini economici che non sono stati neppure resi noti...

martedì, luglio 01, 2008

DAVIDE LANZAFAME SVENDUTO AL PALERMO

Davide Lanzafame, uno dei giovani attaccanti Italiani più promettenti, prodotto del vivaio della Juve di Moggi Giraudo e Bettega, è stato ceduto in via definitiva al Palermo per 5 milioni di Euro pagabili in 3 anni.

Ormai è chiaro e lampante perfino agli juventini lapizzati: abbiamo a che fare con una pericolosa organizzazione di criminali farabutti...

lunedì, giugno 23, 2008

TUTTA COLPA DI DEL PIERO

Donadoni lo fa entrare a pochi minuti dalla fine dei supplementari per battere uno dei rigori e lui non riesce neppure a calciarlo...

sabato, giugno 21, 2008

CONSEQUENZIALITA'

Al giornalista che gli chiedeva un parere su Fandel, arbitro di Italia-Spagna, e sull’avversione che Luciano Moggi provava nei confronti dello stesso arbitro, Rino Gattuso, il forte centrocampista del Milan e della Nazionale, ha dichiarato: "Moggi vuole un mondo tutto suo, dove chi non la pensa come lui o e' scemo o non è capace. Fandel ci arbitrò nella sfortunata finale Champions di Atene, contro il Liverpool. E' bravo ed è un arbitro che pretende rispetto. Quindi non sono per niente d’accordo con Luciano Moggi…."

domenica, giugno 15, 2008

EURO 2008: SENZA JUVE NON SI VINCE

Berna, 9 Giugno 2008
Italia 0 - 3 Olanda

Forse adesso anche gli illusi avranno capito che la nazionale di Guido Rossi (perchè di questo si tratta) e degli affiliati alla 'ndrangheta non potrà mai vincere (come l'inter di cui Rossi è figlio).
Il filo conduttore che ha unito le due nazionali vincenti del 1982 e del 2006 si chiama JUVE ! ...e senza JUVE non si vince.

(nella foto: il peggiore in campo)

sabato, maggio 31, 2008

PRENDI TRE PAGHI UNO...

Dopo settimane d’attesa la telenovela è finita: Carvalho De Oliveira Amauri è un giocatore della Juve. L’attaccante brasiliano ha firmato un contratto che lo legherà alla Juventus per le prossime quattro stagioni. Guadagnerà 3,5 milioni di Euro a stagione, più i premi. La società ha precisato che saranno versati 22,8 milioni di Euro al Palermo, mentre il club rosanero verserà alla Juve 7,5 milioni di Euro per ottenere il cartellino di Antonio Nocerino a titolo definitvo. Davide Lanzafame non sembra rientrare nella trattativa, almeno per ora.

Adesso però qualcuno lo spieghi alle volpi di Corso Galfer che Carvalho De Oliveira Amauri è uno solo, non tre...

mercoledì, maggio 28, 2008

STORIA DELLA NOVELLA TRIADE INFAME

La novella Triade degli Infami formata da Elkan-Cobolli-Blanc (alias El Can-Conigli-Sblanc), ci ha appena regalato il 16° scudetto dell'inter e uno splendido 3° posto a soli 13 punti di distacco. Per ringraziarli vogliamo fare un vero e proprio bilancio del loro operato ricordando alcuni numeri:
  • 29 il numero di scudetti vinti meritatamente dalla Juve di Moggi Giraudo e Bettega ma negati dagli infami;
  • 2 gli scudetti scippati alla Juve da Guido Rossi e Montezuma con il beneplacito degli infami;
  • 3 gli scudetti regalati all'inter dagli infami negli ultimi due anni;
  • 17 i gol segnati da Ibra in questo campionato, 2 dei quali, nell'ultima giornata, hanno permesso all'inter di rubare il terzo scudetto in due anni (per chi se lo fosse dimenticato Ibra è stato regalato all'inter dagli infami);
  • ancora 2 come la doppietta di Ibra che ha chiuso il discorso scudetto;
  • ancora 17 i gol di Mutu in questo campionato (per chi se lo fosse dimenticato Mutu è stato regalato alla Fiorentina dagli infami);
  • 43 i milioni di euro spesi per acquistare giocatori del calibro di Boumsong, Andrade, Tiago e Almiron;
  • 0 (zero) come i giocatori acquistati dagli infami e degni di giocare in una squadra di serie A.

domenica, maggio 18, 2008

AAA ALLENATORE OFFRESI

Tra pochi giorni si libererà la panchina degli indossatori e noi di Juventiniveri sosteniamo con forza la candidatura di Martire Ranieri, una persona che con la nostra storia e coi nostri colori non ha niente a che spartire. E non avevamo bisogno del "capolavoro di Marassi" per rendercene conto.
E poi, osservatelo bene: non sembra anche a voi che l'azzurro gli doni molto più del bianco? E allora, via... raus... foeudiball...!!!

lunedì, maggio 12, 2008

STANDING OVATION PER ALESSANDRO BIRINDELLI

Alessandro Birindelli ha annunciato in settimana che lascerà la Juve a fine stagione.

Con Birindelli, che dal 1997 ad oggi ha collezionato 305 gare e 7 gol, perdiamo un uomo che ha incarnato perfettamente lo spirito Juve: senso di appartenenza, determinazione e altruismo.

Storico il suo gol nella Champions League 2002-2003 contro il Deportivo la Coruna: un destro sotto l'incrocio dei pali da circa 30 metri (guarda il video).

Non sappiamo perché oggi non gli sia stato concesso di salutare il suo pubblico, forse ai conigli interisti non sono piaciute le sue ultime dichiarazioni da Juventinovero:
"l'amarezza più grande è stata la retrocessione in B perchè ho visto svanire tutti i sacrifici di una stagione dominata! Noi sappiamo quanto abbiamo lottato per vincere quei due scudetti, e lo sanno anche dall'altra parte, però loro devono dire l'opposto per giustificare il motivo per cui non vincevano mai: la ragione in realtà è una sola, noi eravamo i più forti, e lo sapevano benissimo e lo abbiamo dimostrato anche quest'anno battendoli a San Siro!".
Noi, fosse stato anche su una sedia a rotelle, oggi qualche minuto glielo avremmo fatto giocare e, con quello che si è visto in campo, siamo sicuri che non avrebbe affatto sfigurato.

Un GRAZIE e un grande in bocca al lupo ad Alessandro Birindelli.

giovedì, maggio 08, 2008

CAMPIONE DEL MONDO

Da un'intervista di Marcello Lippi al mensile GQ:

Calciopoli:
"Nessuno può pensare che prima ci fosse veramente tutta quella capacità di condizionamento. Oggi gli errori sono né più nè meno quelli di prima. Solo che prima si pensava fossero per un motivo, che ora non viene nemmeno preso in considerazione. Questo è il nostro mondo. A Cannavaro gridavano di tutto e un mese dopo era il calciatore più acclamato del pianeta: Pallone d’oro, Fifa World Player. Sempre tutti pronti a salire sul carro".

I
l gioco della torre:
Tra Pelè e Maradona: "Dico Maradona perchè si è misurato con le botte alle caviglie del calcio europeo";
Zidane o Vialli: "Dopo Maradona c’è Zidane";
Del Piero o Cassano: "Alex un milione di volte".

lunedì, maggio 05, 2008

BLANC DE SBLANC

Pochi giorni orsono l'inutile, borioso e strapagato Sblanc si faceva beffe del Milan, sostenendo che Flamini, gioiello dell'Arsenal in procinto di passare alla Juve e conteso dal Milan, ci avrebbe preferiti perchè "la Juve è in Champions e il Milan no".
Sono passati solo 15 giorni e la situazione è ora la seguente: Flamini ha firmato oggi con il Milan un contratto fino al 2012 e il Milan è in Champions League.

Non avete l'impressione che oltre alle già citate qualità di Sblanc si possano aggiungere anche quella di essere uno jettatore ?

Noi comunque ci stiamo toccando gli zebedei...

domenica, maggio 04, 2008

== L'ASTICELLA ==

Ragazzi... la vogliamo abbassare un po' quell'asticella?








SIENA-JUVENTUS 1-0
Guarda il video

SIENA: Manninger; Ficagna, Portanova, Loria, Rossi; Vergassola, Codrea, Galloppa; Kharja (27' st Frick sv), Locatelli (8' st De Ceglie); Maccarone (46' st Rossettini). In panchina: Eleftheropoulos, Riganò, Alberto, Jarolim. Allenatore: Beretta

JUVENTUS: Buffon; Zebina (1' st Salihamidzic), Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Camoranesi, Zanetti, Sissoko (20' st Marchionni), Nedved (38' st Palladino); Del Piero, Trezeguet. In panchina: Belardi, Grygera, Tiago, Nocerino. Allenatore: Ranieri

ARBITRO: Orsato di Schio

RETI: 7' pt Kharja

Ammoniti: Portanova, Galloppa, Molinaro.

sabato, maggio 03, 2008

IL PRIGIONIERO DELLA RETORICA











Gustiamoci questo spiedino di aforismi cucinato da Martire Ranieri in una recentissima intervista:
  1. Il nostro campionato finisce nel momento in cui non rispetteremo ciò che ci siamo messi in mente;
  2. Ci interessa solo la sorte di noi stessi;
  3. Questa squadra può continuare a crescere e proseguire a fare ciò che ha sempre fatto. Se fossi uno che si accontenta, mi fermerei così;
  4. Io voglio portare l'asticella più in alto possibile, così da creare uno stimolo in più per l'anno prossimo;
  5. Dobbiamo mettere ferocia per diventare incontentabili. Memorizzato questo, avremo raggiunto la nostra meta;
  6. Quest'anno abbiamo fatto un ottimo campionato perchè abbiamo potuto lavorare una settimana dopo l'altra. Il prossimo obiettivo sarà vedere cosa si fa con la doppia competizione. O con la tripla, visto che inter e Roma sono in semifinale anche in Coppa Italia;
  7. I giocatori sanno cosa hanno fatto, non hanno da dimostrare nulla, ma il domani è sempre più importante di quello che è già stato fatto.

lunedì, aprile 28, 2008

JUVENTUS - LAZIO 5-2










Restiamo dell'idea che con Lippi o Capello al posto di Martire Ranieri questa squadra oggi sarebbe li a giocarsi lo scudetto, altro che i preliminari di Champions.
Oggi ci hanno emozionato due cose: l'azione del terzo gol (secondo noi una delle più belle viste quest'anno in serie A) e la presenza in tribuna di Roberto Bettega.

JUVENTUS - LAZIO 5-2

Juventus: Buffon; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Camoranesi, Sissoko, Zanetti, Nedved; Del Piero, Trezeguet
A disposizione: Belardi, Stendardo, Salihamidzic, Tiago, Nocerino, Palladino, Marchionni
All. Ranieri 7

Lazio: Ballotta; De Silvestri, Siviglia, Cribari, Radu; Mudingayi, Baronio (46’ Vignaroli), Mutarelli; Mauri (78’ Kolarov); Bianchi (84’ Tare), Pandev
A disposizione: Muslera, Rozehnal, Manfredini, Del Nero
All. Rossi 4

Arbitro: Gervasoni da Mantova

Reti: 15’ e 89’ Chiellini, 22’ Camoranesi, 32’ Del Piero, 55’ Bianchi, 61’ Siviglia

Ammoniti: 48’ Del Piero, 52’ Siviglia
Espulsi: 75’ Siviglia

giovedì, aprile 24, 2008

LE VOLPI DI CORSO GALFER











Amauri e Flamini? Tranquilli, è solo fumo per depistare la concorrenza. Gli obbiettivi veri sono Gionatha Spinesi e Massimo Mutarelli…

giovedì, aprile 17, 2008

JUVENTUS - PARMA 3-0












Juventus:
Buffon; Grygera, Stendardo, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Camoranesi (20' st Tiago), Nocerino, Palladino (35' st Marchionni); Del Piero (20' st Nedved), Trezeguet.
A disp. Belardi, Birindelli, Ariaudo, Essabr.
All. Ranieri

Parma: Bucci; D. Zenoni, Falcone (30' st M. Rossi), Couto, P. Castellini; Dessena (43' st Cigarini), Morrone, Mariga, Antonelli; Reginaldo, Corradi (3' st Gasbarroni).
A disp. Pavarini, Parravicini, Martinez, Morfeo.
All. Cuper

Arbitro: Banti di Livorno

Marcatori: 16' pt Trezeguet, 31' pt Palladino, 31' st aut. Morrone

Note: espulso Couto (P) al 32' st per proteste.
Ammoniti Falcone, Reginaldo.

mercoledì, aprile 16, 2008

IL LAPSUS DEL CONIGLIO

Riportiamo fedelmente il finale dell’intervento di Giovanni Cobolli Gigli a Radio anch’io Sport, edizione di lunedì 14.
Il pezzo è stato registrato con un “digital voice recorder” (lo tengo sempre a portata di mano, soprattutto al mattino, mentre percorro a passo d'uomo la tangenziale est di Milano, per prendere appunti o per registrare stralci di programmi radio).

Riccardo Cucchi: Presidente, per che cosa vorrebbe che la sua presidenza fosse ricordata… ?

GCG: Ma… il mio grande sogno è.. che la Juventus vinca una Coppa dei Campioni…

RC: Più che lo scudetto…?

GCG: Ah… si si… più che lo scudetto… poi, naturalmente se riusciamo a fare le due cose insieme… però lei mi dovesse dire cosa metto prima delle due… io personalmente come tifoso Juventino ho sempre avuto una carenza di Coppe dei Campioni.
Adesso come dirigente della Juventus sento anche fortemente la mancanza di due scudetti. Questo per essere molto chiaro, però dovendo cercare di andare avanti e di guardare avanti, perché noi dobbiamo costruire e quindi non possiamo soltanto rimpiangere, io penso che la Juventus si debba dare come traguardo quello di diventare sempre di più, comunque, una grande squadra “internazionale”…

E’ stato proprio in quell'istante che ho tamponato la Grande Punto rossa... (ndr.)

domenica, aprile 13, 2008

JUVENTUS - MILAN (3-2)













JUVENTUS - MILAN 3-2

(Guarda il video)


Juventus: Buffon; Grygera, Legrottaglie (6' st Stendardo), Chiellini, Molinaro; Camoranesi (46' st Nocerino), Tiago, Sissoko, Salihamidzic; Trezeguet (33' st Iaquinta), Del Piero.
A disp. Belardi, Birindelli, Marchionni, Palladino.
All. Ranieri

Milan: Kalac; Bonera, Simic, Maldini, Favalli; Gattuso (38' st Gilardino), Pirlo (44' st Brocchi), Ambrosini, Seedorf; Kakà; Inzaghi (23' st Cafu).
A disp. Dida, Digao, Paloschi, Gourcuff.
All. Ancelotti

Arbitro: Rocchi di Firenze

Marcatori: 12' pt Del Piero (J), 14' pt e 31' pt Inzaghi (M), 45' pt e 35' st Salihamidzic (J)

Ammoniti: Ambrosini, Sissoko, Camoranesi, Stendardo.
Espulso al 21' st Bonera (M) per un'entrata durissima su Sissoko.

lunedì, aprile 07, 2008

FALLIMENTARE NONOSTANTE L'inter

Nonostante i nostri amici Mo Ratti e Piagnisteo Mancini ci abbiano gentilmente favorito ben 5 punti su 6 negli scontri diretti, la gestione "conigliesca" della Juve rimane fallimentare. In particolare Martire Ranieri ci ha propinato un disastroso girone di ritorno infarcito di sconfitte e pareggi, di ieri sera l'ultima sconfitta contro un Palermo in grandissima crisi.

Per fortuna c'è chi sta peggio direte voi e difatti il Milan ha fornito prestazioni pietose a raffica, ma a ben guardare la classifica non si nota tutta questa differenza tra la Juve che sta giocando un grande campionato (secondo i "lapizzati") e il Milan disastroso dell'amico Carletto che l'ha fatta nel letto.

Ad oggi la classifica emette questo verdetto:
  • inter 72 punti rubati
  • Roma 68 punti
  • Juve 58 punti
  • Fiorentina 56 punti
  • Milan 52 punti
  • Sampdoria 52 punti
In sintesi siamo a "soli" -14 punti dall'inter, a "soli" -10 punti dalla Roma, ma a "ben" +2 punti sulla Fiorentina ed a "ben" +6 punti sul Milan e la...Sampdoria (con tutto il rispetto).

Campionato strepitoso ? Giudicate voi...

Ah, dimenticavo: Coniglio e Martire per favore risparmiateci le vostre dichiarazioni deliranti (per non dire volgarità, ci leggono anche i bambini) del tipo "la Juve seconda non è un'ipotesi azzardata"...

UN PEZZO DA NON PERDERE

Vittorio Feltri rinnova la sua stima nei confronti di Luciano Moggi e difende la scelta di avergli dato l'opportunità di commentare le vicende del campionato dalle pagine di "Libero".

Non perdetevi questo pezzo...!!!
Cliccate qui.

domenica, marzo 30, 2008

CHE PALLE...!!!

domenica, marzo 23, 2008

SPIRITUS TRIADIS VOBISCUM ET MANEAT SEMPER

Amen.












inter: Julio Cesar; Maicon, Burdisso, Materazzi, Maxwell; Zanetti, Stankovic, Chivu (38' st Balotelli); Jimenez (8' st Suazo); Cruz (19' st Maniche), Ibrahimovic. All. Mancini

Juventus: Buffon; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Camoranesi, Sissoko, Nedved (42' st Nocerino); Trezeguet (38' st Iaquinta), Del Piero. All. Ranieri

Arbitro: Farina di Novi Ligure

Marcatori: 4' st Camoranesi (J), 19' st Trezeguet (J), 39' st Maniche (I)

Ammoniti: Molinaro (J), Cruz (I), Chivu (I), Legrottaglie (J), Burdisso (I)

lunedì, marzo 17, 2008

JUVENTUS - NAPOLI 1-0

Gol di Iaquinta all'88' su splendido assist in mezza rovesciata di Del Piero. Un quarto d'ora prima però c'era stato un fallo di Molinaro su Lavezzi, a centrocampo, non sanzionato dall'arbitro Rocchi. Gli esperti moviolisti sostengono che l'azione che ha portato la Juve al gol sia partita proprio da li...


Juventus: Buffon 6,5; Grygera 6, Stendardo 6,5, Chiellini 6,5; Nocerino 5,5 (14' st Molinaro 6), Sissoko 6, Tiago 5,5, Salihamidzic 5,5 (14' st Iaquinta 7); Nedved 6; Trezeguet 5, Del Piero 7. All. Ranieri

Napoli: Gianello 6; Santacroce 6,5, Cannavaro 6, Domizzi 6,5; Garics 4,5, Pazienza 5,5, Hamsik 6,5 (18' st Bogliacino 6), Gargano 5,5, Savini 5,5 (36' st Contini sv); Calaiò 5 (26' st Sosa sv), Lavezzi 4,5. All. Reja

Arbitro: Rocchi di Firenze

Marcatore: 43' st Iaquinta

Ammoniti: Trezeguet (J), Pazienza, Santacroce, Cannavaro (N)

lunedì, marzo 10, 2008

LA ZEBRA VINCE IL PALIO DI SIENA

La partita più importante della domenica si è giocata al Palio di Siena e, fortunatamente per noi, ha vinto la contrada della Zebra grazie ai bianconeri del Siena che hanno sconfitto la Fiorentina, temibile concorrente dei bianconeri nostrani per un posto in Champions.

Ovviamente in quel di Genoa Martire Ranieri ha ancora una volta sbagliato completamente la partita (squadra lunga e totale assenza del centrocampo), risoltasi in nostro favore solo grazie ad un Grygera letteralmente "posseduto" dallo spirito della Juve della Triade.

mercoledì, marzo 05, 2008

SECCO SULLA CESSIONE DI IBRA

Da un'intervista di Alessio Secco pubblicata oggi sulla Stampa:

«i rimpianti più grandi sono Zambrotta e Cannavaro, poi logicamente Ibrahimovic che, però, sarebbe andato all’inter comunque, avrebbe lasciato la Juve indipendentemente da calciopoli e dai suoi effetti, seguivo la trattativa per il rinnovo e sapevo le cifre che stava chiedendo alla Juve, difficilmente lo avrebbero accontenato».

Siamo letteralmente disorientati… confusi… smarriti… noi che abbiamo sempre pensato che con Luciano Moggi alla Juve Ibra non avrebbe mai potuto finire all’inter! Grazie Secco per averci aperto gli occhi! Ma adesso Secco, adesso che ci hai aiutato a ritrovare la strada perché non ci fai un altro favore? Perché non fai come Baglioni e non ti togli definitivamente dai coglioni?

domenica, marzo 02, 2008

LA VECCHIA SIGNORA HA PERSO ANCORA

Ci risiamo, la banda Conigli ci sta affossando e la tifoseria sbandata latita. Purtroppo notiamo ancora troppi lapizzati che galleggiano nel limbo del "tutto sommato è una buona annata e in futuro saremo più forti"...
Allora guardiamo freddamente la situazione: SE TUTTO ANDRA' BENE a fine anno saremo terzi a 100 punti dalla prima, a 10 punti dalla seconda ed a mezzo punto dalla terza. Per non parlare dell'anno prossimo, dove ci aspettano i competentissimi Mercenario Blanc e Conigli Gigli per rifare uno squadrone regalando ciò che resta dello strepitoso vivavio di Moggi ed acquistando a peso d'oro pippe che non scenderanno mai in campo da titolari. Il tutto sotto lo sguardo spento di Martire Ranieri che in trance mistica continuerà a recitare il te deum della vittima predestinata autoflagellandosi di colpe acquisite.
Se invece le cose andassero in maniera semplicemente normale allora saremo quinti dietro a Fiorentina e Milan, che oramai ci alitano addosso, per il semplice motivo che sono squadre cha sanno lottare. Non a caso hanno lottato contro sentenze ingiuste e hanno vinto rimanendo in serie A e vincendo la Champions. I loro Presidenti e allenatori hanno difeso la squadra e la storia e così facendo hanno salvato l'ANIMA delle loro squadre.
Noi siamo invece stati trascinati dall'azionista nel girone dantesco dei sodomiti e ci ritroviamo oggi con una dirigenza, un allenatore e ahimè molti tifosi, completamente svuotati di motivazioni e di stimoli.
Senza cuore non si lotta e senza combattere non si vince. Ridiamo un cuore alla Juve, riprendiamoci l'anima: via gli El Can, i Mercenari, i Conigli interisti e i Martiri !

venerdì, febbraio 29, 2008

LA RABBIA E L'ORGOGLIO

Abbiamo colpito nel segno !
Le nostre denunce hanno raggiunto il bersaglio: i poteri forti interisti e/o i perfidi El Can.
Infatti con un’azione degna della censura di stato Cubana l’account YouTube attraverso il quale usavamo pubblicare le nostre registrazioni video ci è stato disattivato. La motivazione è “terms of use violation”, letteralmente “violazione dei termini d’uso”, in altre parole “violazione dei diritti d’autore”. Questo dunque è il motivo per cui ogni accesso a video YouTube dai link presenti nei nostri blog viene ora negato.
Il bello è che siamo stati oscurati solo noi, non le migliaia e migliaia di filmati che violano il diritto alla disinformazione di mamma Rai e questo prenderci di mira è la prova lampante del fatto che siamo solo noi a dare fastidio.

Subiamo questa violenza con due stati d'animo contrastanti:
  1. La rabbia per aver visto sfumare in un attimo il lavoro di centinaia di ore passate in registrazioni di trasmissioni TV, conversioni di formati, editing e caricamento video su YouTube.
  2. L'orgoglio per essere riconosciuti dai poteri forti come un nemico pericoloso e da combattere
Tutto ciò ci sprona ancora di più ad esprimere le libere opinioni degli oppressi in un paese non libero...

martedì, febbraio 26, 2008

LUCIANO MOGGI, JUVENTINO VERO

Lucianone Moggi dalle pagine di Petrus commenta l'invio della lettera aperta alla FIGC da parte dei Conigli interisti. Eccovene uno stralcio:
"Cobolli Gigli e Blanc dicono che 'la Juve non può continuare a pagare colpe per le quali ha già scontato una pena estremamente severa', dimenticando di aggiungere che quelle colpe non sono state provate e che la pena è stata quindi immeritata: la sentenza, infatti, concludeva che NON E' STATO ACCERTATO ALCUN ILLECITO."

"Ma è il caso di porre in evidenza dei fatti precisi. Il giudizio sportivo non provò alcun illecito e i giudici per ammissione di uno di loro giunsero alla condanna della Juve e dei suoi dirigenti 'interpretando un diffuso sentimento popolare'. E cosa sono state quelle condanne se non una frettolosa impiccagione? Queste cose le sa e le ha ammesse anche Cobolli Gigli, come prova il video di un forum al Corriere dello Sport rintracciabile su YouTube. Leggendo gli atti, disse in quell'occasione il presidente della Juve, abbiamo scoperto 'una somma di peccati veniali, e nessun peccato mortale'.

domenica, febbraio 24, 2008

GRAZIE ROMA

Grazie Roma che ci hai inspiegabilmente concesso 3 punti nello scontro diretto e che oggi mantieni a distanza la Fiorentina, sì perchè noi che non gongoliamo per lo splendido campionato a soli 13 punti dall'inter, non ci illudiamo di un impossibile secondo posto e ci teniamo stretto il terzo posto che dovremo contendere a Fiorentina e Milan (entrambe a soli 6 punti da noi dopo le partite di ieri).

A proposito di Campionato: una squallida partita ci ha visti soccombere per 2-1 contro la Reggina grazie alla scarsezza della squadra e ad un arbitro a libro paga della triade interista. I Conigli hanno ruggito, perfino Mercenario Blanc (l'uomo con buonuscita da milioni di €uro nel caso di licenziamento, ci chiediamo per quali infiniti meriti sportivi) è momentaneamente apparso dal nulla (il suo elemento naturale) per dichiarare "ora basta, abbiamo già pagato un prezzo altissimo per le nostre colpe".
E qui casca l'asino/coniglio ! E' la solita Juve formato El Can che si riaddossa colpe inesistenti, le cui prove sarebbero state degli errori arbitrali che fanno sorridere se confrontati a quanto succede all'inter in questo campionato.
Lo abbiamo già scritto e lo ripetiamo: l'aver accettato la sodomizzazione di gruppo organizzata dagli El Can-Monnezzemolo (grazie Mago) e perpetrata dal branco Rossi-Tronchetti-Moratti non ci ha "vaccinati" contro il sistema, ma al contrario ci ha reso le vittime preferite e predestinate. Amici Juventini veri non è con codardi sottomessi che torneremo grandi, qui ci vogliono degli uomini veri come Andrea Agnelli e Moggi tanto per non fare nomi...

mercoledì, febbraio 20, 2008

BENVENUTO DISSENSO

Mentre non accetteremo MAI di riabilitare gli El Can, i veri deus ex machina dietro all'assassinio della Juve, accettiamo di buon grado il dissenso di chi appoggia Ranieri. A fronte della vittoria contro la Roma e del terzo posto a un solo punto da quest'ultima, le nostre critiche nei confronti del Martire possono sembrare esagerate, eppure noi non ci pentiamo, anzi riteniamo che Ranieri sia l'espressione ideale della nuova Juve perdente voluta dagli El Can e dal loro Coniglio interista.

Per inquadrare correttamente il problema, a differenza dei "lapizzati", noi siamo ben coscienti che siamo al terzo posto a "soli 12 punti dall'inter" ! Ma a prescindere da tutto ciò non accettiamo la remissività e l'autoflagellazione costante del Martire, che segue come discepolo fedele l'opera di contrizione "senza motivi validi e senza prove" avviata dal clan El Can, da Montezuma Montezemolo, dall'avvocato Cazzone, da Conigli Gigli, etc. etc. Non sopportiamo i continui elogi alla banda degli onesti pur in palese evidenza di rapine a mano armata e non sopportiamo le continue autocritche/autoaccuse per falli mai commessi. Un esempio su tutti di ciò che intendiamo dire: durante la penultima partita di campionato, l'arbitro fischia un presunto fallo contro Nocerino, mentre Nocerino si lamenta ed il radiocronista in diretta ci racconta che l'arbitro si è sbagliato perchè la gomitata è inesistente, da bordo campo l'altro radiocronista ci racconta che Ranieri si stà sgolando in insulti a Nocerino rimproverandogli duramente "taci che l'hai fatto, l'hai fatto!"
Ma che cazzo di squadra siamo diventati ? Che ambiente di sfigati si è creato ? Ne abbiamo le scatole piene di prenderlo in quel posto, noi non siamo lapi.
Ranieri è il degno complemento della gang che si è insediata al comando della Juve ed è una patetica controfigura di Lippi e di Sir Fabio.
La Juve ed i tifosi veri si meritano un guerriero che lavi con il sangue del nemico le ingiustizie compiute in questi ultimi anni, non un Martire che vuole essere crocifisso per lavare i peccati del mondo.
In conclusione ci auspichiamo una Juve senza El Can e senza i loro servi (Ranieri incluso).

mercoledì, febbraio 06, 2008

AAA MASOCHISTI CERCASI

Finalmente stiamo imparando a decifrare l'impalpabile strategia che Martire Ranieri ha messo in atto da mesi. Ci eravamo illusi che l'incosistenza della squadra fosse un effetto indesiderato, dovuto alla totale incapacità dello staff dirigenziale e alla mediocrità del tecnico. Ci accorgiamo invece che è tutto voluto!
In effetti ci pare proprio che Martire Ranieri provi piacere nella sofferenza della squadra, che ogni caduta gli provochi dei brividi erotici e che più scivoliamo lontani dall'inter (e vicini a Fiorentina e Milan) più lui, vecchio porco, sia sempre più vicino all'estasi.
A prova di ciò, oltre alle parole di beata autoflagellazione che Martire si regala in continuazione, anche il fatto che Ranieri non abbia mai vinto nulla neanche quando allenava squadroni (Valencia: sempre secondo con Martire, vincente non appena lo cacciarono; Chelsea: sempre secondo con Martire, vincente non appena lo cacciarono). A questo punto il sospetto che provi piacere nella sofferenza si fà sempre più concreto, abbiamo quasi l'impressione che la juve più che una vecchia signora stia diventano una vecchia baldracca che gode a farsi frustare da sadici in nerazzuro e vuoi vedere che Ranieri è stato scelto perchè anche Lapo...?

IL RUGGITO DEL CONIGLIO

Dopo le patetiche esternazioni di Minimo Moratti ("Se non ci fosse stata quella banda di truffatori il 5 maggio avremmo vinto noi") arriva la dura replica di Giovanni Cobolli Gigli:
«In un momento come questo sono più che mai convinto che il silenzio sia d'oro per persone con ruoli così importanti come il mio e quello di Moratti. Se però mi si chiede di commentare la frase "banda di truffatori" allora dico che la Juventus lo scudetto del 2002 lo ha vinto sul campo e non capisco perché ingiuriare il tecnico di quella squadra, Marcello Lippi, che è anche il c.t. campione del mondo in carica, oltre a giocatori come Buffon, Del Piero, Ferrara, Birindelli o Pessotto che ne facevano parte».

mercoledì, gennaio 30, 2008

ECCO PERCHE' SIAMO DELLE PIPPE

Il mistero è finalmente stato svelato!

Da alcuni giorni tutti i maggiori quotidiani riportano le clamorose rivelazioni di Nick Thecaves (Legrottaglie ndr) orgogliosamente sbandierate dall'interessato: il malcapitato, irretito da una setta evangelica, si rifiuterebbe di avere rapporti sessuali da più di due anni e l'astinenza è destinata a durare fino al giorno in cui convolerà a giuste nozze.
Per dirla sinceramente a noi non interessa proprio niente della vita (o morte) sessuale di Thecaves, nè ci permettiamo d'interferire con le motivazioni religiose dietro a tale comportamento. Ciò che ci interessa realmente è la prestazione in campo del giocatore e dopo aver visto la partita di Coppa Terra de Kaki giocata stasera contro l'innominabile, possiamo senza dubbio affermare che Nick non tromba però si sta certamente massacrando di pippe! Solo così si può spiegare la dormita di Thecaves che ha permesso ad un ragazzino debuttante di segnare il 3 a 2 ed eliminarci.
Infine visto che Nick si è convertito e noi non sappiamo più a che santo votarci, concedeteci un'invocazione alla divina provvidenza (da qualunque religione o setta provenga): toglici quanto prima dalle scatole l'insopportabile Martire Ranieri che indossa con masochistico piacere il sudario del condannato a morte e si crogiola continuamente in elogi agli avversari (specie se interisti) ed in richiami all'autoflagellazione collettiva della sua (nostra!) squadra.

domenica, gennaio 27, 2008

LA FINE DELLO STILE JUVENTUS...

... e l'inizio dello stile Coniglio interista.

Per chi dall'estero si fosse perso la commedia riassumiamo l'incredibile, imbarazzante e vergognosa vicenda consumatasi negli ultimi giorni:
  • Boumsong viene ceduto al Lione
  • Boumsoung gioca mercoledì in Coppa Terra de Kaki (Italia ndr) e miracolosamente segna il gol del pareggio
  • Boumsong si reca a Lione giovedì e viene presentato
  • Conigli Gigli si rimangia la cessione di Boumsong perchè adesso gli serve per il ritorno di Coppa contro l'inter mercoledì prossimo
  • Il Presidente del Lione ne dice giustamente di tutti i colori contro la Juve
  • A Conigli Gigli viene spiegato che così non si può fare e dopo due giorni ricede Boumsong al Lione
Conclusione: figuraccia di MERDA e tutto il mondo del calcio che ride della dirigenza Juventina.

I tifosi veri ringraziano il Coniglio interista per l'ennesima umiliazione che ci infligge.

UFFICIALE: BOUMSONG E' DEL LIONE

Abbiamo sperato fino all'ultimo che Bum Bum tornasse a Torino. Soprattutto dopo aver sentito le sue ultime dichiarazioni di affetto nei confronti dei conigli interisti: « Se torno è solo per mettere le mani addosso a qualche dirigente » ...

E questa è la squadra con cui « abbiamo il dovere di provarci » e altre stronzate del genere...

sabato, gennaio 26, 2008

DEL PIERO, BOUMSONG E... IL PADRETERNO

Claudio Massimo Ranieri farebbe bene a ringraziare Del Piero, Boumsong e il Padreterno.
Per i primi due la motivazione è fin troppo ovvia. Il ringraziamento al Padreterno? ... per aver "creato" un uomo presuntuoso come Mancini e averlo fatto diventare l'allenatore dell'inter...


Clicca qui per guardare i gol di Del Piero e Boumsong.

giovedì, gennaio 24, 2008

martedì, gennaio 22, 2008

L'IMBOSCATA

Claudio Ranieri nel corso di un intervento a Radio Anch'io Sport cade in un'imboscata tesa dal radio ascoltatore "Guido", che si dichiara "appassionato tifoso della Juve".

Clicca qui per "ascoltare" il video...

lunedì, gennaio 21, 2008

UNA JUVE DA 5° POSTO

Come si sentiranno oggi i Lapi (vedi post del 17-12-07) ?

La totale incapacità degli azionisti e dei loro servi interisti continua a dare i suoi frutti avvelenati, speriamo solo che i tifosi Lapizzati si stiano risvegliando dal loro tossico torpore e che si uniscano alla resistenza degli Juventini veri contro gli usurpatori Ram Polli El Can.
In questo terribile campionato, il più umiliante della storia dopo i fasti dell'era Montezumolo/Maifredi, ci è toccato ingoiare di tutto:
  • uno strepitoso Ibra, omaggiato da Conigli Gigli a Moratti, che domina il campionato
  • la dismissione senza onore del grande Bettega
  • gli incapaci Blanc e Conigli Gigli coperti d'oro dai Ram Polli tramite revisioni contrattuali approvate dall'Assemblea dei soci
  • la svendita del mitico vivaio italiano di Moggi per due lire
  • l'acquisto a peso d'oro di stranieri indegni o impossibilitati a scendere in campo
  • il rifiuto di unirsi alla Juve da parte di tutti i giocatori decenti contattati per il mercato di riparazione
  • la costante autoflagellazione di Ranieri che non perde occasione per ribadire il concetto che siamo delle pippe e che l'inter è molto più forte (il tutto condito da sincera ammirazione per Moratti & Co.)
Noi preconizziamo però che le umiliazioni non siano ancora finite, sia la Fiorentina che il Milan sono più forti e hanno grandi possibilità di finire davanti a noi in campionato. Alla fine lotteremo per il 5° posto.

Cari tifosi Lapizzati, toglietevi quel sorriso ebete dalla bocca ed iniziate a reclamare con rabbia una Bastiglia per gli El Can.

sabato, gennaio 19, 2008

ARRIVERA' UN ASSO

domenica, gennaio 13, 2008

CATANIA - JUVENTUS (1-1)

Ilario Castagner, al commento tecnico nella telecronaca di Mediaset Premium, ha avanzato l’ipotesi che gli arbitri soffrano di sudditanza psicologica “a rovescio” nei confronti della Juventus. Lo ha detto in occasione del gol in fuorigioco del Catania e lo ha confermato qualche minuto più tardi quando a Del Piero, lanciato "solo" davanti al portiere, è stato sbandierato un fuorigioco inesistente. Infine, ha definito “netto” il fallo su Del Piero che ha portato al calcio di rigore e al gol del pareggio Juventino.
Ilario Castagner stia attento ad essere così obbiettivo nei confronti della Juve...

CATANIA - JUVENTUS 1-1 (Guarda il video)


15’ Spinesi, 91' Del Piero (rig)

CATANIA: Polito, Silvestri, Terlizzi, Stovini, Vargas, Itzco, Edusei, Biagianti, Colucci (67’ Martinez), Spinesi (88’ Tedesco), Mascara
All. Baldini.

JUVENTUS: Buffon, Salihamidzic (82' Iaquinta), Legrottaglie, Chiellini, Molinaro, Nocerino, Tiago (46' Marchionni), C. Zanetti, Nedved (76' Palladino), Del Piero, Trezeguet.
All. Ranieri.

ARBITRO: Rocchi di Firenze.

AMMONITI: 20' Izco, 23' Stovini, 34’ Chiellini, 43’ Terlizzi, 58’ Salihamidzic, 72' Nocerino

giovedì, gennaio 10, 2008

UN RAGAZZO ONESTO

Chissà perché Thierry Henry, che in una recente intervista rilasciata a Sky si autodefinisce "ragazzo onesto”, di punto in bianco, a distanza di dieci anni dalla sua breve esperienza alla Juve, si unisce al partito dei detrattori di Luciano Moggi, e in modo del tutto gratuito (e a dire il vero anche un po' stucchevole) getta altro fango sul nostro Direttore… Noi di Juventiniveri ci chiediamo... "ma, un ragazzo così onesto non è un po' sprecato per la squadra del Barcellona...?"

L’intervista rilasciata da Henry è stata pubblicata da diverse “testate sportive” online. Quella da noi proposta è la traduzione della versione integrale inglese pubblicata da Goal.com. La traduzione è stata affidata alle cure di “Babel Fish”.

Buona lettura!

Il Juventus di sinistra internazionale francese per l'Arsenale in 1999 dopo non essere riuscito a depositarsi dentro completamente ed incolpato di l'ex direttore di Juventus la sua uscita.

"quando sono venuto a Juve ho avuto un problema con la mia parte posteriore. Tuttavia, ho desiderato giocare immediatamente," Henry ha cominciato, parlando al Cielo Italia...
Continua

domenica, gennaio 06, 2008

A MORTE! A MORTE!

18 Dicembre 2007: l'assemblea generale dell'ONU vota a favore di una moratoria globale contro la pena di morte. L'italietta, o se preferite la terra dei kaki, gongola di gioia, in effetti il governo italiano è stato uno dei grandi promotori dell'iniziativa ed i signori della casta non perdono occasione per ricordarcelo.

19 Dicembre 2007: scoppia sui media italiani "calciopoli 2", vittima designata Luciano Moggi. Ancora una volta in barba a tutte le leggi sulla privacy ed al senso di civiltà del paese, pagine e pagine d'intercettazioni telefoniche trascritte finiscono in pasto al pubblico. Si tratta d'intercettazioni recenti, nelle quali Lucianone esprime con amici e conoscenti tutta la sua amarezza per il processo di farsopoli ed esprime libere opinioni private da libero cittadino, con altri liberi cittadini.
E qui sta l'inghippo, l'italietta non è un paese libero! Non è permesso esprimere libere opinioni che vadano contro la linea prescelta dal regime di turno e, per chi se lo fosse dimenticato, viviamo ancora sotto il regime catto-rosa dei prodi Rossi Guido-Tronchetti Provera con tutto il codazzo di politici di contorno.
Ma ciò che più colpisce è la veemenza, la violenza e la perfidia degli attacchi nei quali a Luciano viene apertamente rimproverato:
  1. di avere opinioni
  2. di esprimere opinioni
  3. di difendersi dagli attacchi precedenti
  4. di avere degli amici
  5. di sperare di rifarsi una vita da libero cittadino
Giornali e televisioni urlano la loro rabbia chiedendo che a Moggi venga d'ora in poi impedito di pensare, di parlare, di avere rapporti con altri esseri umani e di sperare in un futuro migliore.
Nella sostanza il regime ed i media leccaculo vogliono che a Moggi venga tolto il diritto di vivere, de facto invocano la pena di morte per Moggi, magari tramite un suicido "alla Telecom", di quelli che tolgono per sempre di mezzo personaggi scomodi per la triade interista.

Per questo il 19 Dicembre 2007 passerà alla storia come il giorno in cui il governo italiano reintrodusse la pena di morte per il solo Luciano Moggi.

sabato, gennaio 05, 2008

NON FIRMO PER IL SECONDO POSTO

Il ritorno di Criscito al Genoa (prestito fino al termine della stagione..?) la dice lunga sulle ambizioni in campionato dei perfidi El Can, dei conigli interisti e di "Massimo" Ranieri...
Criscito non sarà Roberto Carlos ma chissà chi pensano di mettere li a sinistra i nostri genii del mercato quando Molinaro “renderà l’anima a Dio”…