domenica, dicembre 30, 2007

STA PER FINIRE L'ANNO, NON LA MEMORIA

Juventini, non scordate le ingiustizie
di Paolo Bertinetti (Presidente Associazione Nazionale Amici della Juventus)

UN ANNO e mezzo fa, in piena Farsopoli, sorsero decine di associazioni, siti, giornali on-line di tifo­si bianconeri, mossi dal comune intento di con­trastare il linciaggio mediatico subito dalla Ju­ventus. Nel corso dei mesi, di fronte alle ridicole sentenze sportive, ai proclami grotteschi di Guido Rossi e Moratti, ai silenzi vergognosi del Palazzo del calcio... Continua

sabato, dicembre 29, 2007

DATEGLI UN MICROFONO...

... e due o tre minchiate ve le sforna di sicuro!

« I nostri sostenitori hanno capito che la Juventus non è lo squadrone di due anni fa ma un bambino che va allevato con tenerezza e guardato sempre con gli occhi premurosi dei genitori »

« Una volta l’inter era un aeroporto, con gente che andava e veniva, ora esiste un nucleo storico e in questo nucleo sono stati inseriti dei campionissimi. Bisogna rivolgere i complimenti a Mancini e ai dirigenti che sono riusciti a compiere un ottimo lavoro »

lunedì, dicembre 24, 2007

JUVENTUS - SIENA (2-0)










JUVENTUS - SIENA 2-0 (Guarda il video)


32’ Salihamidzic, 59' Trezeguet

JUVENTUS: Buffon, Salihamidzic (68' Grygera), Legrottaglie, Chiellini, Molinaro, Nocerino, Tiago (73' Almiron), Zanetti, Nedved (79' Palladino), Del Piero, Trezeguet.
All. Ranieri.

LAZIO: Manninger, Bertotto, Portanova, Loris, De Ceglie, Codrea, Vergassola, Galloppa (78' Forestieri), Locatelli (66' Rossi), Frick, Maccarone (65' Corvia).
All. Beretta.

ARBITRO: Damato di Barletta.

AMMONITI: 20' Tiago, 46' Zanetti, 57' Trezeguet

mercoledì, dicembre 19, 2007

FCIC 2007

Dopo la Champions League, il Pallone d’Oro e la Coppa Intercontinentale il 2007 regala al nano di Arcore il titolo di “FCIC dell’anno”.
Determinante per l’assegnazione del titolo la frase “Calciopoli è stata tutta una montatura... per quanto riguarda il Milan”.

lunedì, dicembre 17, 2007

LA MOLTIPLICAZIONE DEI LAPI

I tifosi Juventini sono euforici, siamo ben terzi in classifica a solo 7 punti dall'inter ! Che annata fantastica stiamo vivendo ! Questo squadrone sarebbe piaciuto all'avvocato (citazione testuale dei perfidi El Can che si autoimbrodano).
Forse è il clima Natalizio che favorisce i miracoli, più probabilmente è il freddo che rintrona il cervello della tifoseria più sottomessa d'Italia, ma fatto sta che incrociamo con frequenza allarmante sempre più tifosi Juventini oramai Lapizzati. Che la tifoseria Juventina sia da sempre passiva e sottomessa non lo diciamo noi, ma i fatti che vale la pena ricordare: la GRANDE JUVE UMBERTIANA viene attaccata dal sistema Tronchetti-Prodi e dall'interno tramite i fiol de El Can, le accuse sono risibili, comunque mai provate e non provabili. Secondo gli onesti (poi rivelatisi intercettatori, maxi evasori, falsificatori di passaporti e suicidatori di collaboratori delinquenti), Belzebù Moggi è reo di parlare con i designatori arbitrali, cosa assolutamente normale nel calcio italiano, ma non solo, secondo il designatore in questione nessuno faceva più pressioni indebite di un certo Facchetti! Eppure gli azionisti sponda El Can fanno quadrato attorno a... Moratti! Montezuma Montezemolo si unisce al coro di azionisti che si autoaccusano a priori di crimini che non conoscono e nessuno alza un dito per salvare la Juve e l'onore di 100 anni di storia. Gli El Can regalano Ibrahimovic e Viera a Tronchetti per ripagarlo dell'aiuto prestato nel defenestrare il cugino Andrea. Ci sarà stata la rivoluzione, il paese messo a ferro e fuoco, linee Telecom sabotate, società FIAT boicottate ? Ma no, l'epilogo è noto, trattandosi della tifoseria Juventina hanno chinato il capo e si sono sottomessi ai nuovi padroni Ram Polli El Can, rendendo omaggio alla triade Trochetti-Rossi-Moratti.
Il nostro blog clandestino è una delle poche voci che si levano contro l'ingiustizia, ma siamo oramai assediati non solo dai poteri interisti, ma anche dal crescente esercito di Juventini Lapizzati Lobotomizzati.

I novelli Lapi sono ovunque, sprizzano gioia da tutti i pori ad ogni pareggio in casa con l'inter, sorridono inebetiti ad ogni gol di Ibrahimovic e approvandone la svendita dicono "era inevitabile", gli occhi luccicano ad ogni vittoria a due minuti dalla fine contro squadre da metà classifica ed il petto si gonfia d'orgoglio quando proclamano siamo terzi, terzi a solo 7 punti dall'inter !
Questo esercito di rincoglioniti si trova ovunque, in ufficio, al bar, dal salumiere (in questo caso potrebbe chiamarsi Roberto e lavorare in quel di Como). Vogliono farci credere che è bello aver scambiato il posto con l'inter del decennio d'oro Morattiano, che "il bello è partecipare" e vedere l'inter vincere.
Ci permettiamo quindi di chiedere un regalo natalizio disinteressato alla divina provvidenza: per pietà sveglia i Lapizzati dal loro torpore!
Senza una tifoseria Juventina VERA e rabbiosa, gli attuali azionisti ci propineranno 10 ANNI di terzi posti.

sabato, dicembre 15, 2007

SANTA INFLUENZA

San Buffon... San Zanetti...











LAZIO-JUVENTUS 2-3
(Guarda il video)

29’ Trezeguet, 36’ Pandev, 48’ e 71’ Del Piero, 92’ Pandev

LAZIO: Ballotta; Scaloni (76’ De Silvestri), Siviglia, Cribari, Kolarov, Mudingay (86’ Meghni), Ledesma, Mutarelli, Mauri, Pandev, Rocchi.
All. Rossi.

JUVENTUS: Buffon; Zebina, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Nocerino, Zanetti, Nedved (46’ Tiago), Del Piero, Trezeguet.
All. Ranieri.

ARBITRO: Brighi di Cesena.

AMMONITI: Mudingay, Pandev, Nocerino

lunedì, dicembre 10, 2007

IL PECCATO ORIGINALE

Un uomo solo al comando!

No, non si tratta di una gara ciclistica ma del Campionato di Serie A, che vede Zlatan Ibrahimovic da solo in testa alla classifica. Ma che ci fa solo soletto Zlatan là in cima e soprattutto, chi ce lo ha messo?

Se non lo ricordate vi rinfreschiamo noi la memoria: Luglio 2006, i perfidi El Can hanno da poco lanciato l'operazione "purga stalinista degli Umbertiani", mirata ad eliminare il cugino Andrea e gli Uomini di Umberto Agnelli dalla Juve. Per raggiungere il loro obbiettivo hanno stretto un patto diabolico con Tronchettino Provera Bello, interceptor di Telecom ed esperto di suicidi dei suoi più stretti collaboratori. Come tutti i patti con il diavolo, i conti da pagare sono salatissimi e nel caso degli El Can il diavolo Tronchetti vuole l'anima della Juve: Zlatan Ibrahimovic. (Purtroppo gli estimatori di Del Piero si trovano solo tra gli Juventini più ingenui).

Senza il peccato originale oggi l'inter non conterebbe nulla, anche con gli spudorati aiuti arbirtrali dei quali gode e che vengono sottaciuti dall'omertà dei mezzi di comunicazione, per questo motivo i veri Juventini non possono dimenticare. Non dimentichiamo che nella primavera del 2006 la Triade regnava ancora su una Juve vincente, finanziariamente florida senza mai nulla chiedere agli azionisti. Non dimentichiamo che la FIAT e gli Agnelli erano (e sono) in condizioni finanziarie floridissime. Per questo risultano offensive le scuse addotte dal Coniglio interista attuale Presidente della Juve, secondo il quale la Juve aveva bisogno di fare cassa e l'inter era l'unica squadra solvente del pianeta! Premesso che gli El Can nuotavano nel contante, c'erano almeno 30 squadre tra LIGA, PREMIER LEAGUE e BUNDESLIGA, per non citare Russi, Ucraini e Francesi, che avrebbero pagato qualunque cifra per aggiudicarsi Zlatan.

La domanda dei veri Juventini rimane: perchè ?! Per ripagare il patto col diavolo, macchiandosi per sempre del peccato originale...

NEDVED

"Niente riesce a mettermi tanto di malumore quanto una vittoria della Juve per un gol di Nedved all'88'...".

(l'interista)

domenica, dicembre 09, 2007

RITORNO AL FUTURO

Oggi Libero ha pubblicato un gustoso articolo del nostro Direttore.

Eccovene un assaggio: "Il Livorno fermerà la Roma e il Toro farà il solletico all'inter"... e ancora... "l'inter, dunque, è in fase di grande fulgore e anche di grande considerazione, al punto che le stanno capitando anche i rigori generosi... Ha trovato in Jimenez un ottimo complemento al tandem Ibra-Cruz"...

Vuoi vedere che Lucianone è tornato dal futuro con il Grande Almanacco del Campionato 2007-2008...?

Clicca qui per leggere l'intero articolo.

sabato, dicembre 01, 2007

THE WAY WE ARE

"Lo scudetto non è roba per noi". Lo ha detto Gigi Buffon dopo lo 0-0 con il Milan.
Il parere di Juventiniveri: "aridateci Lippi/Capello e ne riparliamo il 18 di maggio"...




MILAN-JUVENTUS 0-0 (Guarda le pagelle)

MILAN: Dida; Oddo (34’ st Bonera), Nesta, Kaladze, Sergihno (18’ st Maldini); Gattuso, Pirlo, Ambrosini; Kakà, Seedorf; Gilardino (18’ st Inzaghi).
A disposizione: Kalac, Cafu, Brocchi, Gourcuff.
All. Ancelotti.

JUVENTUS: Buffon; Zebina, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic (26’ st Marchionni), Nocerino, Zanetti, Nedved (37’ st Palladino); Iaquinta (26’ st Del Piero), Trezeguet.
A disposizione: Belardi, Birindelli, Criscito, Tiago, Marchionni.
All. Ranieri.

ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno.

AMMONITI: 35’ pt Legrottaglie, 13’ st Chiellini, 44’ st Zebina.

venerdì, novembre 30, 2007

THE WAY WE WERE

domenica, novembre 25, 2007

LAPO HA TIFATO PALERMO











JUVENTUS - PALERMO 5-0 (Guarda il video)

RETI: 29' p.t. Trezeguet, 41' p.t. Iaquinta, 26' s.t. Del Piero, 30' s.t. Marchionni, 47' s.t. Del Piero (rigore)

JUVENTUS: Buffon; Zebina, Legrottaglie, Criscito, Molinaro; Camoranesi (27' s.t. Marchionni), Zanetti, Nocerino, Nedved; Iaquinta (23' s.t. Del Piero), Trezeguet (32' s.t. Palladino)
A disposizione: Belardi, Birindelli, Salihamidzic, Tiago
Allenatore: Ranieri

PALERMO: Agliardi; Zaccardo, Barzagli, Biava; Diana, Simplicio, Guana (31' s.t. Migliaccio), Caserta (1' s.t. Cavani), Pisano; Brienza (15' s.t. Bresciano), Amauri
A disposizione: Fontana, Rinaudo, Cassani, Tedesco
Allenatore: Colantuono

AMMONITI: 44' p.t. Criscito, 8' s.t. Nocerino, 8' s.t. Simplicio, 9' s.t. Amauri, 25' s.t. Pisano

ARBITRO: Saccani di Mantova

sabato, novembre 24, 2007

TOCCHIAMO FERRO

Lapo è tornato a parlare di Juve e ha perfino minacciato di tornare all'Olimpico per Juve-Palermo...! Un consiglio per gli amici Juventini: domani sera, prima della partita, dovunque sarete - allo stadio, davanti alla TV o con l'orecchio incollato alla radio - procuratevi del sale, tre spicchi d'aglio e un peperoncino forte. Poi, toccando tutto il ferro che trovate a portata di mano, ripetete tre volte "Lapo tifa Palermo".... "Lapo tifa Palermo"... "Lapo tifa Palermo"...

Ecco uno stralcio dell'intervista di "Slappo":
« Da tifoso mi auguro che vinca lo scudetto, gli uomini per far bene ci sono. Se la Juve conti­nuerà a lottare come ha fatto nella partita con l’Inter, con lo stesso spirito, allora andrà lonta­no. Ha mostrato doti e capacità di sofferenza, tecnica e cuore. Non vedo l’ora di andarla a ve­dere, torna il campionato e ci propone due gran belle sfide. La prima col Palermo, una sfida dal valore particolare perché rappresenta un po’ la mia seconda squadra dopo la Juve, Poi ci sarà il Milan, una partita un po’ più difficile perché ha un organico che fa paura. Comunque questo è un campionato difficile e le sorprese sono die­tro ogni angolo » .

domenica, novembre 18, 2007

GIU' IL CAPPELLO!

16 novembre 2007, data storica per Julio Gonzalez, perché rappresenta l’inizio della sua seconda vita. Il ritorno al calcio giocato. E non poteva andare meglio dopo due anni di assenza a causa della perdita di un braccio. Titolare nel Tacuary (che ha pareggiato 1-1 con l’Olimpia Asuncion) con la maglia n. 29 (una sorpresa), si è presentato accompagnato dal figlioletto Fabrizio, mentre il fratello Sergio Gonzalez, terzino sinistro nella stessa squadra, aveva gli occhi lucidi. Foto di rito, emozione palpitante e poi finalmente a far sul serio.
Julio è stato in campo un’ora, ha toccato pochi palloni ma per la generosità è come se avesse giocato per tre, rincorrendo gli avversari fino a centrocampo. E in quel poco che ha fatto ci ha messo qualità, come quando si è ritrovato di fronte il toro Acuna (una carriera ragguardevole in Argentina — Boca e Independiente — e in Spagna — Deportivo e Saragozza) e al quale si è presentato con un tunnel delizioso. Applausi. E folla in rivolta, invece, quando l’arbitro gli ha fischiato un fallo di mano. Un’ora, dunque, perché al 15’ della ripresa ha lasciato il posto a Fatecha. Tutti in piedi ad applaudirlo.

venerdì, novembre 16, 2007

LA NOSTRA CROCE

«Se non tenessimo conto di alcuni incidenti arbitrali, la Juventus sarebbe molto vicina all’Inter»... è questo il rimpianto di Giovanni Cobolli Gigli. (La Stampa.it)

«Se non tenessimo conto di Ibra e Vieira, la Juve sarebbe ancora un miraggio per l'inter»... è Giovanni Cobolli Gigli la croce degli Juventini... veri. (ndr.)

lunedì, novembre 12, 2007

COME IL 2 DI PICCHE

Briscola anyone?

Purtroppo alla dirigenza Juventina non rimane che giocare a briscola, perchè quando di calcio si tratta contano come il 2 di picche.

Il caso vuole che a far risaltare la totale assenza di peso della nuova Juve sia nuovamente il Parma.
La prima volta circa tre mesi fà, quando il Coniglio Giglio interista venne clamorosamente trombato per un posto nel consiglio di Lega nonostante l'appoggio di Mo Ratti (cosa già di per sè scandalosa ed inaccettabile per i veri Juventini!). Gli altri presidenti di Lega gli preferirono il presidente del Parma, una scelta senza dubbio saggia.
La seconda volta oggi, giorno in cui la Juve ha pareggiato a Parma subendo gli ennesimi torti arbitrali. Per essere imparziali citiamo "La Moviola alla Radio" di RAI Radiouno: "il Parma apre le marcature su rigore e con questo la Juve è la squadra che ha subito più rigori contro di tutto il campionato", e ancora "sul finire l'arbitro annulla il terzo gol di Iaquinta per un presunto spintone ai danni di un difensore, che però è inesistente, il gol era quindi regolare".

E' da questi soprusi che ci difendeva un certo Moggi, ma è nel ruolo di vittima che ci preferiscono vedere gli El Can ed il loro fidato Conigli Gigli.

DURI A MORIRE

Fateci caso, i cronisti, anche i meno faziosi, ormai non hanno più il coraggio di dire che un rigore contro la Juve è fasullo, anche quando lo è innegabilmente come quello che è stato concesso ieri pomeriggio al Parma. Sentite ad esempio con quale leggiadria Carlo Nesti liquida l'episodio del non intervento di Cristiano Zanetti su Reginaldo: “un fallo abbastanza ingenuo di Zanetti su Reginaldo consente agli Emiliani di battere un calcio di rigore”

Che classe reverendo Nesti…!



PARMA - JUVENTUS 2-2 (Guarda il video)

RETI: 43' p.t. Gasbarroni (rigore), 12' s.t. Pisanu, 31' s.t. Legrottaglie, 36' s.t. Iaquinta

PARMA: Bucci; Coly, Falcone, Rossi, Castellini; Pisanu (32' s.t. Morfeo), Morrone, Cigarini, Gasbarroni (24' s.t. Dessena); Reginaldo (42' s.t. Matteini), Corradi
A disposizione: Pavarini, Zenoni, Parravicini, Paponi
Allenatore: Di Carlo

JUVENTUS: Buffon; Grygera (19' s.t. Salihamidzic), Legrottaglie, Chiellini, Criscito; Camoranesi, Nocerino (13' s.t. Tiago), Zanetti, Palladino; Del Piero (1' s.t. Iaquinta), Trezeguet
A disposizione: Belardi, Birindelli, Zebina, Almiron
Allenatore: Ranieri

AMMONITI: 14' p.t. Legrottaglie, 30' p.t. Morrone, 13' s.t. Pisanu, 25' s.t. Camoranesi, 35' s.t. Palladino, 49' s.t. Criscito

ESPULSI: 33' s.t. Chiellini, 33' s.t. Morfeo, 47' s.t. Coly

ARBITRO: Gava di Conegliano Veneto

sabato, novembre 10, 2007

QUANDO SI DICE "PARLAR CHIARO"

Non si è fatta attendere la reazione di Giovanni Cobolli Gigli nei confronti di Minimo Moratti dopo le accuse e le basse insinuazioni che quest’ultimo, con l’onestà che lo ha reso famoso nel globo terracqueo, aveva dispensato a Pavel Nedved:
"Credo che Nedved sia triste per quello che è stato detto e scritto - ha detto il coniglio scendiletto di Moratti - Pavel è Pallone d'Oro e ha commesso solamente un fallo di gioco".
Complimenti presidente, non gliele hai proprio mandate a dire…!!!

(Reference: "PAVEL NEDVED E LUI... SFIGO" su "inter? NO, GRAZIE!")

lunedì, novembre 05, 2007

UNO SU MILLE CE LA FA'

Guarda l’eurogol con cui Giovinco ha regalato il pareggio all’Empoli, ieri in Empoli-Roma 2-2, e ascolta i dialoghi nello studio della DS.






Fabio Capello (mette in dubbio l’intenzione di Giovinco di aver cercato la porta): “il portiere… com’era posizionato Doni, da quella distanza lì … ma!… sai, su mille tiri ne fai uno…. Anche più di mille…”

Massimo De Luca: “ecco il millesimo...!”

Andrea Vianello: “però Giovinco è un talento pazzesco...!”

Capello: “assolutamente un grande talento… ed è molto bravo a calciare le punizioni…”

Vianello: “ed è Juventino pure, purtroppo…”

De Luca: “si, come Marchisio… come De Ceglie...”

Capello: “io credo che questo giocatore, non so se l’ho già detto, può diventare il nuovo Zola. E’ piccolino, bisogna aspettarlo un po’, che si irrobustisca… ma le qualità sono quelle…”

Uno su mille ce la fà... e viene dal vivaio della Triade...!!! (ndr.)

domenica, novembre 04, 2007

NON PASSA LO STRANIERO











JUVENTUS-INTER 1-1 (Guarda il video)

RETI: 41' p.t. Cruz, 33' s.t. Camoranesi
(ascolta il commento dei gol in diretta di Bonino/Brosio)

JUVENTUS: Buffon; Grygera (33' s.t. Zebina), Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Palladino, Nocerino, Cristiano Zanetti, Nedved (16' s.t. Iaquinta); Del Piero (25' s.t. Camoranesi), Trezeguet.
A disposizione: Belardi, Birindelli, Salihamidzic, Tiago.
All. Ranieri.

INTER: Julio Cesar; Maicon (41' s.t. Dacourt), Cordoba, Samuel, Chivu; Figo (17' s.t. Burdisso), Javier Zanetti, Cambiasso, Cesar; Ibrahimovic, Cruz (20' s.t. Suazo).
A disposizione: Orlandoni, Maxwell, Solari, Crespo.
All. Mancini.

AMMONITI: 9' p.t. Nocerino, 18' p.t. Figo, 11' s.t. Nedved, 21' s.t. Burdisso

ARBITRO: Rocchi di Firenze

E' UFFICIALE: LAPO PORTA SFIGA

Le intuzioni di marketing e le visioni "stupefacenti" di Slappo El Can hanno portato non poca sfiga alla Juve, ma alcuni stolti hanno incolpato Moggi e non il Ram Pollo. Ebbene da oggi esiste la controprova pubblica che Lapo è un Re Mida al contrario, che invece dell'oro trasforma tutto quello che tocca in "polvere". La vittima sacrificale è il Dottor Rossi (nella foto con Robert de Niro) che da quando si è bardato di una tutina FIAT in stile felpa di Lapo non è più riuscito a vincere nulla. Addirittura clamorosa l'ultima gara della stagione nel GP di Valencia conclusasi con ben tre fratture alla mano e la fusione del motore, chiudendo così al terzo posto nel campionato piloti!

Trattandosi di un interista conclamato non gli facciamo neppure gli auguri.

sabato, novembre 03, 2007

INTERVISTA "BARBARICA" A LUCIANO MOGGI

Intervista scoppiettante di Luciano Moggi a "Le invasioni barbariche" condotto da Daria Bignardi. La conduttrice partendo dalle pagine del libro scritto da Moggi, "Un calcio nel cuore", ha chiesto al suo ospite come si è sentito in quel famoso momento di più di un anno fa.

"Mi sentivo come un treno deragliato, parlavo solo con me stesso. Avevo paura di uscire di casa perchè non sapevo come potevano prenderla i tifosi. Poi ho reagito, anche con cattiveria, in maniera brusca, sebbene avessi pensato anche di farla finita, ma di fronte alla famiglia che dovevo proteggere, ho reagito"

Alla domanda sulla furbizia, Moggi risponde: "Furbizia è qualcosa che nel calcio deve esistere. Gestendo una squadra ad alti livelli bisogna sempre guardarsi alle spalle. Ci sono interessi notevoli. Io ho sempre ho vinto con la squadra più forte. In Italia-Francia a Berlino c`erano nove giocatori comprati dal sottoscritto."

Allora è bravura ? ... "Non so se è bravura, ma non chiedere soldi ad azionista di riferimento e vincere sempre forse lo è".

Daria Bignardi parla di luoghi comuni: cupola del calcio, padrone del calcio: "La cupola è ridotta a due persone: Giraudo e Moggi e che cupola è ? risponde Moggi. Lo sport è un'industria che diventa sempre milgiore quando la squadra vince. Il calcio non e` sporco, è un business e i manager si industriano perche` ci sia attività che sviluppi il prodotto. Bisogna essere abili nel gestire e scappare dalle intercettazioni. L'inter non vinceva, è bastato comprare Ibrahimovic che fa squadra da solo e ora vince. Ibrahimovic ce l'avevo io e se c'ero ancora non l'avrei ceduto all'inter".

La giornalista legge poi una frase attribuita ad Angelo Peruzzi, ex portiere della Lazio e della Juventus: "Moggi era il pastore con il suo gregge che faceva pascolare le sue pecore e brucavano senza chiedersi se era erba buona o cattiva, ma eravamo contenti comunque...". A questa frase Moggi risponde: "Peruzzi tutte 'ste cose insieme non le mette..." e poi prosegue "Bisogna avere il carisma nel calcio, per sapersi far rispettare. Una società forte protegge i suoi giocatori. Io ho sempre protetto i miei giocatori e la mia squadra e forse ho pagato proprio questo" .

Perchè ce l'hanno tutti con lei? "Probabilmente ho fatto bene, probabilmente ho vinto troppo. Non sono un angelo, ma ci sono altri diavoli, più diavoli di me. Ci sono gli spioni illegali, i pedinatori che adesso dicono che gli arbitri arbitri sbagliano in buona fede. Due parole che non c'entrano niente in questo periodo dove gli arbitri hanno sbagliato più di sempre" . A questo punto la Bignardi insiste, chiedendo di dire apertamente i nomi degli "spioni": "Telecom e Moratti per difendere l'inter - risponde secco Moggi - Nelle mie telefonate mi trovi delle telefonate ad arbitri? Parlavo col designatore ma non era vietato e chi ci parlava più di me, era proprio l'inter".

La conduttrice accusa Moggi di usare dei modi "da padrino" e Moggi risponde: "A difendersi si diventa arrogante". A questo punto le domande si fanno più soft e toccano argomenti più tranquilli, come un giudizio su Maradona: "Maradona era bello, simpatico e una grande giocatore. - dice Moggi - A Napoli ho dato ciò che non aveva. Con me sono arrivati giocatori che hanno fatto il ciclo del Napoli. Non sapevo che si drogava, ma vedevo comportamenti sbagliati. In campo cancellava quello che si diceva di lui" .

L'ultima domanda: nella prefazione del suo libro c'è scritto: "sta a voi comprendere se Moggi è diavolo o solo il più furbetto tra i furbetti", le sta bene? "Più furbetto ci sto perchè vuol dire che sono stato bravo, ma non è un reato... In 12 anni di attività la Juve ha vinto ed è stato il difetto maggiore".

Ancora una domanda: Juventus-inter, chi vince? "Spero la Juventus, ma l'inter è obiettivamente più forte".

Da leggere: "me lo regge per favore?" (dal blog "venti9")


giovedì, novembre 01, 2007

TRE ZEGUET E TRACCE DI TIAGO

...oltre all'insostituibile Cristiano Zanetti.








JUVENTUS-EMPOLI 3-0 (Guarda il video)


RETI: 6' s.t. (rigore), 17' s.t. e 25' s.t. Trezeguet

JUVENTUS: Buffon; Birindelli, Grygera, Criscito; Molinaro; Salihamidzic (40' s.t. Marchionni), Zanetti, Tiago, Palladino (28' s.t. Camoranesi); Iaquinta (Del Piero 14' s.t.), Trezeguet
A disposizione: Belardi, Zebina, Almiron, Olivera
Allenatore: Ranieri

EMPOLI: Balli; Raggi, Piccolo, Marzoratti; Antonini (18' s.t. Abate), Marianini (10' s.t. Giovinco), Marchisio, Moro, Tosto; Vannucchi (20' s.t. Volpato); Saudati
A disposizione: Bassi, Ascoli, Rincon, Pozzi
Allenatore: Cagni

AMMONITI: 33' p.t. Marianini, 5' s.t. Balli

ARBITRO: Celi di Campobasso

mercoledì, ottobre 31, 2007

LAPO FOR PRESIDENT

MILANO - Lapo Elkann diventa presidente della Sparkling Milano Volley, squadra che milita nel campionato di serie A1 di pallavolo maschile. La notizia, nell'aria da diverso tempo, e' stata ufficializzata dal club attraverso un comunicato.

"La data di oggi e' il compimento di un dialogo iniziato piu' di un anno fa con la nascita della Sparkling, quando chiesi a Lapo di prendere parte alla nostra avventura - ha dichiarato il patron Claudio Giovanardi - La Sparkling trova in lui un presidente giovane, carismatico e di grande leadership, proseguendo cosi' in un percorso sportivo ed etico che ci auguriamo possa diventare il fiore all'occhiello dello sport milanese e non solo. Gia' nelle prossime settimane abbiamo intenzione di organizzare la presentazione dei nuovi progetti". (Agr)

Gira voce che il "rampollo" si sia avvicinato alla Sparkling Milano dopo aver letto su Internet che la squadra aveva ottenuto la promozione dalla A2 alla A1 grazie a una striscia positiva di 19 vittorie consecutive… (Ndr.)

lunedì, ottobre 29, 2007

FERMATE QUEST'UOMO

Quest'uomo ha il compito di ridare "serenità" alla classe arbitrale dopo il terremoto provocato da calciopoli...

domenica, ottobre 28, 2007

TUTTI PAZZI PER BERGONZI

Tutti a dare addosso all’arbitro…
D’accordo ha sbagliato, ma è da capire. Sei al San Paolo. 70.000 tifosi che urlano. Ti distrai. Solo un istante. Quell’SMS sul telefono cellulare di tua moglie… è in quel momento che Zalayeta vola su Buffon…



NAPOLI - JUVENTUS 3-1 (Guarda il video)

RETI: 1' s.t. Del Piero, 4' s.t. Gargano, 17' e 25' s.t. Domizzi (rigore)

NAPOLI: Iezzo; Cupi, Cannavaro, Domizzi; Garics (38' s. t. Contini), Hamsik, Gargano, Blasi, Savini; Lavezzi (33' s.t. Calaiò), Zalayeta (45' s.t. Sosa)
A disposizione: Gianello, Montervino, Bogliacino, De Zerbi
Allenatore: Reja

JUVENTUS: Buffon; Grygera (30' s.t. Marchionni), Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Nocerino, Almiron (42' s.t. Tiago), Palladino (35' s.t. Iaquinta); Del Piero, Trezeguet
A disposizione: Belardi, Birindelli, Criscito, Zanetti
Allenatore: Ranieri, in panchina Damiano

AMMONITI: 20' p.t. Domizzi, 5' s.t. Nocerino, 25' s.t. Buffon, 38' s.t. Chiellini

ARBITRO: Bergonzi di Genova

THE DARK SIDE OF THE PANTERON

Sembrerà strano ma questo lato "oscuro" del Panteron non era mai emerso in più di 100 partite giocate in bianconero. Evidentemente l'aria di Napoli lo ha proprio "rigenerato"...

COBOLLI GIGLI, PRATICAMENTE UN PROFETA

"Abbiamo tre partite importanti nei prossimi dieci giorni e tutto sommato, se si fanno dei conti, quelle con Napoli ed Empoli valgono sei punti, quella con l’Inter solo tre. "

(Giovanni Cobolli Gigli)


sabato, ottobre 27, 2007

TIAGO PALLONE D'ORO?








"Fai casino con la tua squadra, racconta che vuoi andartene perché l’allenatore non ti considera, poi ci penserà il procuratore", suggerì Moggi a Fabio Cannavaro, per poi soffiarlo all’Inter. Quello stesso metodo che Lucianone affinò a tattica mercantile (anche nell’affare Ibrahimovic) - è il sospetto della Juve - ora avrebbe innescato lo sfogo pubblico della scorsa settimana di Tiago Cardoso Mendes.


Vien da ridere nel sentir parlare di “metodo Moggi” per avere Tiago dalla Juve a prezzo di saldo. Il Direttore applicava “Il Metodo” per portare alla Juve dei Palloni d’Oro non dei Tiago Cardoso Mendes qualsiasi.

Per trovare delle vere analogie sarebbero altri i confronti da fare...

Confrontate ad esempio gli attuali dirigenti della Juve con quelli dell’inter, in particolare con quelli del “periodo Cannavaro”, scoprirete molti elementi in comune:
incapacità, incompetenza, acquisti sbagliati, cessioni folli, miliardi buttati nel cesso e - perché no? – la stessa “grande simpatia”…

domenica, ottobre 21, 2007

JUVENTUS - GENOA (1-0)

Bravo Alex, ma adesso... fuori il nome del tuo parrucchiere!!!









JUVENTUS-GENOA 1-0 (Guarda il video)

RETI: 36' p.t. Del Piero

JUVENTUS: Buffon; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Nocerino, Zanetti (35' s.t. Almiron), Nedved; Del Piero (33' s.t. Palladino), Trezeguet
A disposizione: Belardi, Criscito, Birindelli, Tiago, Olivera
Allenatore: Ranieri

GENOA: Rubinho; Konko, Bovo, Lucarelli; Rossi (38' s.t. Fabiano), Milanetto, Juric, Danilo; Sculli (25' s.t. Papa Waigo), Borriello, Di Vaio (9' s.t. Leon)
A disposizione: Scarpi, De Rosa, Bega, Coppola
Allenatore: Gasperini

AMMONITI: 12' p.t. Borriello, 29' p.t. Legrottaglie, 39' p.t. Sculli, 45' p.t. Salihamidzic, 3' s.t. Zanetti, 10' s.t. Juric, 30' s.t. Del Piero, 30' s.t. Lucarelli, 48' s.t. Nedved

ESPULSI: 43' s.t. Ranieri, 49' s.t. Nedved

ARBITRO: Banti di Livorno

sabato, ottobre 20, 2007

L'UOMO DEL GIORNO

Luciano Moggi protagonista della settima puntata di "Confronti".
Nel corso del programma di Rai 2 il "Direttore" e il conduttore Gigi Moncalvo svelano un curioso retroscena sul passaggio di Fabio Capello dalla Roma alla Juve. Clicca qui

giovedì, ottobre 18, 2007

PRESO!

Stralcio dalla prefazione di GIANCARLO MAZZUCA, Direttore del "Quotidiano Nazionale" ("La Nazione", "Il Resto del Carlino", "Il Giorno"):

"Lo ammetto: anch'io, prima di incontrare Moggi nella sua casa napoletana, appartenevo alla lista di coloro che possono definirsi colpevolisti a priori. Ma poi, sentendolo parlare e leggendo soprattutto la confessione rilasciata ai colleghi
(Enzo Bucchioni e Mario D'Ascoli, coautori del libro. Ndr.), ho cominciato a nutrire qualche serio dubbio. Di più non posso aggiungere per non svelarvi il finale: sta a voi comprendere, leggendo il libro tutto d'un fiato, se Moggi sia davvero il diavolo da spedire subito all'inferno o sia soltanto uno dei tanti furbetti - fosse anche il più furbetto di tutti - che gravitano oggi attorno al calcio italiano." ...

venerdì, ottobre 12, 2007

QUESTA FIGC NON LA FINANZIO

Il 10 ottobre, è partita l'iniziativa "questa FIGC non la finanzio" con l'invio del presente Comunicato:

COMUNICATO STAMPA
Iniziativa "Questa FIGC non la finanzio"

Alle Agenzie Stampa
Ai quotidiani

e p.c. Ministro dello Sport
On. Giovanna Melandri

Presidente FIGC
Dott. Giancarlo ABETE

Il gruppo di tifosi "Ju29ro Team" ( www.ju29ro.com), con l'adesione di altri gruppi e siti web, comunica la messa in atto di un'iniziativa volta a non finanziare in alcun modo la FIGC, quale forma di legittima espressione del civile dissenso sulla gestione attuale dello sport più seguito da milioni di italiani.

L'iniziativa è basata sull'invito rivolto a tutti gli appassionati del calcio in generale, ed ai tifosi della Juventus in particolare, di rinunciare a scommettere con Totocalcio e Totogol e ad acquistare i prodotti di quelle aziende che, a vario titolo, sono partner commerciali o sponsor della suddetta Federazione.

Tale iniziativa verrà portata all'attenzione delle tifoserie delle altre società calcistiche sottoposte nella scorsa estate a quel processo sommario, influenzato mediaticamente, per la vicenda denominata "Calciopoli" ed ad altre tifoserie penalizzate nel passato dalla giustizia sportiva.
Avremmo evitato questa scelta se, negli ultimi tempi e per i recenti avvenimenti, l'operato della Procura Federale e degli organi di Giustizia Sportiva non fosse stato tale da far pensare alla totale inosservanza di quel principio, cardine in un ordinamento democratico, dell'eguaglianza di tutti i soggetti di fronte alla legge.
La richiesta di una "Giustizia uguale per tutti" fatta ai vertici della FIGC con petizioni popolari e attraverso azioni e missive di Associazioni di tifosi ed azionisti come "Giulemanidallajuve" sono state eluse.

Lo scorso anno, invece, si è celebrato un processo in tempi brevissimi nel quale:
- si è compresso il diritto alla difesa;
- si sono penalizzate 5 squadre, con altrettante tifoserie, sulla base di atti provenienti da un'indagine penale non ancora terminata.

Al contrario, questa estate non si è agito allo stesso modo pur in presenza:
- di trasmissione di atti provenienti da un'indagine penale conclusa che ha prodotto delle richieste di di rinvio a giudizio per un reato penalmente rilevante, il cui accertamento comporterebbe gravissime conseguenze sul piano dell'ordinamento sportivo.
- di fronte a questi atti, a tutt'oggi, non si è avviato alcun procedimento o, rectius, processo.

L'illecito amministrativo è grave, come sostiene il Professor Uckmar, e, nel caso dell'inter, per come si è appreso dagli organi di stampa, sarebbe identico, sul piano sanzionatorio, all'illecito sportivo per il quale sono state punite la Juventus F.C. e le altre società coinvolte in Calciopoli.
Falsificare o alterare i bilanci è illecito penale ed al contempo illecito amministrativo gravissimo nel campo sportivo, soprattutto se tale azione consente di iscriversi ad un campionato senza averne i requisiti, circostanza che è stata ipotizzata dalla Procura di Milano, per come si è avuto modo di apprendere dai mezzi d'informazione.

A tutti vale la pena di ricordare che, negli anni passati, sono state fatte sparire dal calcio professionistico ad alti livelli e per irregolarità amministrative diverse società calcistiche di importanti piazze (Palermo, Firenze, Napoli, Cosenza).

Da Calciopoli è passato oltre un anno, durante il quale abbiamo visto disattese le promesse di "ripristino della legalità" fatte dal Ministro dello Sport e dai vertici del CONI e della FIGC.
Nel frattempo, abbiamo appreso che:
1. far pedinare un arbitro non è "sleale"
2. un'autodenuncia su tutte le TV circa un contratto firmato da un giocatore ma non dalla società cedente è "normale"
3. arbitri vengono sospesi perchè "forse" hanno telefonato a dirigentidi società, mentre il Sig. Pierluigi Collina che "sicuramente" si telefonava con un addetto della società Milan viene "promosso" a designatore arbitrale.
4. secondo la stampa, la FIGC e la Juventus sono state "spiate" e con metodi illegali. Se tale notizia fosse vera, come tifosi ma anche e soprattutto come cittadini italiani, vorremmo cortesemente sapere: ma per conto di chi?

In conclusione:
- questo non ci sembra un "calcio pulito", in quanto sembra che vigano regole diversificate a seconda dei partecipanti.
- questa ci sembra una Giustizia Sportiva a 2 velocità, 2 pesi e 2 misure.

Per chi condivide il nostro pensiero e vuole partecipare a questa forma di civile manifestazione di dissenso forniamo l'elenco delle aziende che, a vario titolo, sono sponsor o partner commerciali della Federazione Italiana Giuoco Calcio:
Puma, Tim, Compass Finanziamenti, Uliveto, Nutella, Birra Peroni, Pasta Antonio Amato, Dolce&Gabbana, Generali Assicurazioni, Ceramica Del Conca, Fiat, Radio Italia (come dal sito ufficiale della FIGC: http://www.figc.it/italiano/area_sponsor/area_sponsor.htm).

Lo staff di Ju29ro Team


Aderiscono già all'iniziativa i siti:

www.ju29ro.com, www.farsopoli.com, www.dossierinter.com, www.juveforever.net, www.pianetabianconero.com, juve29inter13.blogspot.com, venti9.blogspot.com, stefanodiscreti.blogspot.com, blog.libero.it/juventus, blog.libero.it/antiinter, antiinformazionejuve.blogspot.com, juve1897.splinder.com, juventus.megablog.it, jbc.splinder.com, lovejuventus.blogspot.com, superjuventus.blogspot.com, zebrone84-calciopolifarsa.blogspot.com, blog.libero.it/Topkapy, blog.libero.it/Mino46

N.B. Registro ora una adesione "importante" ...anche la più grande Associazione di azionisti e tifosi della Juve è con noi....grazie a Giulemani!

P.S. Di spontanea volontà, molto gradita, hanno pubblicato l'iniziativa anche: blog.libero.it/Greg - www.lottorion.com - www.pinobici.it

Juventiniveri aderisce all'iniziativa
(clicca sull'immagine per ingrandirla)


martedì, ottobre 09, 2007

CHIAMAVANO TUTTI, ANCHE SPINELLI...

Sentite che cosa ha risposto il presidente del Livorno Aldo Spinelli lunedì mattina a Radio Anch’io Sport a chi gli chiedeva sul futuro del suo allenatore dopo l'ultima sconfitta con il Catania:
"Non vedo perche' Orsi dovrebbe pagare per colpe non sue. La squadra sta lottando e se fossimo stata una grande ci avrebbero dato un calcio di rigore per il fallo di Terlizzi. Non mi nascondo dietro gli errori arbitrali, ma ho il dovere di farmi sentire. E’ da quindici giorni che sto cercando di chiamare Collina e ancora non ci sono riuscito…”
Due commenti:
  • Il presidente Spinelli non riesce a trovare Collina. Avrà provato al ristorante "Isola Caprera" di Lodi il martedì sera...?
  • E poi, non andava all'inferno chi telefonava al designatore degli arbitri...?

domenica, ottobre 07, 2007

FIORENTINA - JUVENTUS 1-1

Abbiamo fatto gol in fuorigioco; c'erano altri tre rigori per la Fiorentina; quello che è stato concesso meritava almeno due gol talmente era evidente (e inutile) il mani di Legrottaglie; un paio dei nostri meritavano il cartellino rosso se non addirittura l'esecuzione capitale. Quasi certamente qualcuno giurerà di aver visto Luciano Moggi parlottare con l'arbitro durante l'intervallo...


FIORENTINA - JUVENTUS 1-1 (Guarda il video)

RETI: 23' p.t. Iaquinta, 43' s.t. Mutu (rigore)

FIORENTINA: Frey; Ujfalusi, Gamberini, Dainelli, Balzaretti; Kuzmanovic (1' s.t. Vieri), Donadel, Montolivo; Semioli (22' s.t. Vanden Borre), Pazzini (22' s.t. Gobbi), Mutu
A disposizione: Lupatelli, Pazienza, Pasqual, Liverani
Allenatore: Prandelli

JUVENTUS: Buffon; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Nocerino, Almiron, Nedved (26' s.t. Palladino); Iaquinta (32' s.t. Del Piero), Trezeguet
A disposizione: Belardi, Birindelli, Zebina, Criscito, Tiago
Allenatore: Ranieri

AMMONITI: 18' p.t. Nocerino, 43' p.t. Kuzmanovic, 37' s.t. Legrottaglie, 48' s.t. Chiellini, 48' s.t. Vieri

ARBITRO: Rizzoli di Bologna

ALIENAZIONE PRECOCE

"Personalmente, mi rimprovero di avere ceduto prematuramente Mutu, soprattutto per il valore del giocatore".
(Alessio Secco)

mercoledì, ottobre 03, 2007

E NON FINISCE MICA QUI

Sorpresa... il sorteggio arbitrale non era truccato...!”, lo ha confermato una sentenza della Corte d’Appello del Tribunale di Roma alla quale il “giornalista” Gianfranco Teotino si era rivolto per una querela ricevuta dagli ex designatori Paolo Bergamo e Pierluigi Pairetto. A causare la querela erano stati due articoli apparsi sul settimanale Rigore e sul quotidiano La Stampa (il quotidiano di famiglia… ndr.) nei quali Teotino sollevava dubbi sulla designazione dell’arbitro Borriello per Roma-Juve sostenendo che il sorteggio arbitrale non era regolare. Il tribunale lo ha invece smentito dando ragione in primo grado e adesso anche in appello a Bergamo e Pairetto. Teotino, condannato, dovrà pagare mille euro di multa più le spese processuali.

Viene così a cadere il capo d'accusa principale di "farsopoli"... e non finisce mica qui…

Paolo Bergamo in diretta telefonica a “Lunedì di Rigore” commenta la sentenza.
Guarda il video n. 1
Guarda il video n. 2
Guarda il video n. 3
Guarda il video n. 4
Non abbiamo mai provato grande simpatia per Fabio Ravezzani e la banda di urlatori che frequenta gli studi di Antenna 3 e di Telelombardia. Dobbiamo però ammettere che le scuse presentate in diretta da Ravezzani agli ex designatori Bergamo e Pairetto (per aver emesso giudizi troppo affrettati nei loro confronti ai tempi della querela) rappresentano una novità assoluta nel mondo del giornalismo "sportivo". Con la certezza che ci rimangeremo tutto tra meno di una settimana facciamo dunque i complimenti a Fabio Ravezzani. Alla compagnia degli urlatori, invece, solo e sempre il nostro più sentito disprezzo.

lunedì, ottobre 01, 2007

INCAPACI O CRIMINALI ?

Nonostante, o forse proprio perchè, ci stiamo abituando ai miracoli quotidiani di San Trezeguet, ci sforziamo di pensare in maniera razionale e torniamo sulla terra.

Anche se i temi da affrontare alla voce "incapacità gestionale degli attuali manager Juve" sono tanti, ci concentreremo su due aspetti che si incrociano, con un filo conduttore che porta a chiedersi se oltre alla ben nota incapacità non si debba aggiungere perlomeno il sospetto che qualcuno stia lucrando in modo illecito sulle nostre disgrazie.

Per dirlo chiaramente nell'estate 2007 è stato praticamente ragalato tutto l'ex vivaio, a prezzi che definire di saldo è dire poco. Erano i ragazzi cresciuti nel vivaio Moggi-Bettega, la miglior scuola di calcio che sia mai esistita in Italia, quelli che con il loro impegno hanno riportato la Juve in serie A rimediando in un solo anno ai disastri degli sciagurati ram Polli El Can.

Con le due lire raccattate da questo scempio non si paga nemmeno una rotula rotta di Andrade, un giocatore fisicamente finito pagato la modica cifra di 13 milioni di Euro! Non sarà mai che qualcuno si starà arrotondando il conto personale sia con i "conguagli" in uscita che con le "commissioni" in entrata ? E poi criticavano Moggi per la non trasparenza... Almeno Moggi era poi capace di costruire squadre che vincevano tutto, mentre il Coniglio interista ha assortito una formazione senza difesa che prenderà botte da orbi da tutte le grandi.

Parlando poi d'incapacità e di condotta criminale come non ricordare il peccato originale che meriterebbe una punizione divina, ovvero il regalo di Ibra all'inter ? Inutile sottolineare come l'inter sia Ibra, che da solo è riuscito a trascinare la claque dei piagnistei in vetta alla classifica.

In conclusione cari amici juventini veri esprimiamo la nostra libera opinione: il bestiario fantastico che attualmente controlla e gestisce la Juve è SIA INCAPACE CHE CRIMINALE !!

DERBY ALLA JUVE











TORINO - JUVENTUS 0-1 (Guarda il video)

RETI: 48' s.t. Trezeguet

TORINO: Sereni; Comotto, Natali (24' s.t. Rubin), Dellafiore, Lanna; Paolo Zanetti (31' s.t. Motta), Corini, Barone, Grella; Recoba; Ventola (42' s.t. Bjelanovic)
A disposizione: Fontana, Malonga, Bottone, Oguro
Allenatore: Novellino

JUVENTUS: Buffon; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Nocerino, Cristiano Zanetti (24' s.t. Almiron), Nedved; Palladino (34' s.t. Salihamidzic); Trezeguet, Del Piero
A disposizione: Belardi, Birindelli, Criscito, Tiago, Olivera
Allenatore: Ranieri

AMMONITI: 21' p.t. Nedved, 24' p.t. Grella, 38' p.t. Cristiano Zanetti, 45' p.t. Barone, 8' s. t. Nocerino, 48' s.t. Bjelanovic, 49' s.t. Trezeguet

ARBITRO: Rocchi

giovedì, settembre 27, 2007

JUVENTUS - REGGINA (4-0)












JUVENTUS - REGGINA 4-0 (Guarda il video)

RETI: 3' s.t. Legrottaglie, 5' s.t. Salihamidzic, 31' s.t. Trezeguet, 46' s.t. Palladino

JUVENTUS: (35' s.t. Belardi) Buffon; Birindelli, Legrottaglie, Criscito, Molinaro; Nocerino, Zanetti, Tiago, Salihamidzic (33' s.t. Olivera); Palladino, Trezeguet
A disposizione: Grygera, Chiellini, Almiron, Nedved, Del Piero
Allenatore: Ranieri

REGGINA: Campagnolo; Lanzaro, Stadsgaard, Aronica, Modesto; Barreto (24' s.t. Tognozzi), Cascione, Hallfredsson; Joelson (35' s.t. Cozza); Amoruso, Ceravolo (16' s.t. Montiel)
A disposizione: Novakovic, Vigiani, Cherubini, Missiroli
Allenatore: Ficcadenti

AMMONITI: 41' s.t. Zanetti, 44' s.t. Cascione, 44' s.t. Lanzaro

ARBITRO: Celi di Campobasso

martedì, settembre 25, 2007

UNA QUESTIONE DI MILLIMETRI

Il fatto: il primo gol della Roma era "viziato" da un fuorigioco millimetrico di Totti (i millimetri erano quasi mille…) e da un fallo dello stesso Totti su Criscito, perciò era da annullare.

Qui sotto, invece, lo sconcertante commento di Giancarlo Padovan, direttore di Tuttosport, sullo stesso episodio:
“Tra gli spettatori nessuno ha colto questa cosa che era infinitesimale. Il gol era valido.”
Amen.

lunedì, settembre 24, 2007

ROMA - JUVENTUS (2-2)

L’errore di Del Piero dal dischetto? Un capolavoro di strategia.








ROMA-JUVENTUS 2-2 (Guarda il video)

RETI: 17' p.t. Trezeguet, 30' p.t. Totti, 36' p.t. Totti, 43' s.t. Iaquinta

ROMA: Doni; Cassetti (28' p.t. Cicinho), Juan, Mexes, Tonetto; De Rossi, Aquilani; Taddei (38' s.t. Brighi), Perrotta, Mancini (17' s.t. Giuly); Totti.
A disposizione: Curci, Ferrari, Pizarro, Vucinic.
All. Spalletti.

JUVENTUS: Buffon; Grygera, Andrade (9' s.t. Birindelli), Criscito (1' s.t. Legrottaglie), Chiellini; Nocerino, Zanetti, Nedved; Iaquinta, Trezeguet, Del Piero (29' s.t. Palladino).
A disposizione: Vanstrattan, Molinaro, Salihamidzic, Tiago.
All. Ranieri.

ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno.

AMMONITI: 18' p.t. Mancini, 18' p.t. Iaquinta, 23' p.t. Criscito, 3' De Rossi, 35' s.t. Chiellini

lunedì, settembre 17, 2007

ALESSANDRO DEL PALO

domenica, settembre 16, 2007

DIVINA

Oggi preferiamo parlare d'altro...
QUI una delle scene da film più emozionanti di sempre.
Il film è “Philadelphia” di Jonathan Demme, con Tom Hanks e Denzel Washington.
La scena è dominata dall’aria “La mamma morta” dall’opera “Andrea Chenier” di Umberto Giordano.

La voce, purissima e inarrivabile, è quella di Maria Callas.

venerdì, settembre 07, 2007

NESSUN DORMA

mercoledì, settembre 05, 2007

LO SAPEVATE CHE

7 dei 29 gol realizzati nella seconda di campionato (il 24,14%… un gol ogni quattro…) portano la firma di giocatori SVENDUTI in poco più di un anno dalla nuova dirigenza Juve …

Any comments?

lunedì, settembre 03, 2007

INCREDIBILE MA VERO










La cosa più intelligente sull'episodio nella foto l’abbiamo sentita ieri sera nientemeno che da Alessandro Altobelli.

Il leggendario “spillo” (che tende a rassomigliare sempre più a Bluto, personaggio del popolare Braccio di Ferro) ha detto:
“se quel signore con la pettorina rosa voleva fare il tifoso... doveva accomodarsi in tribuna, non a bordo campo con una telecamera…"
I nostri complimenti ad Alessandro Altobelli. Un anno di Juve (1988/89) gli sarà pur servito a qualcosa…

domenica, settembre 02, 2007

LA JUVE DI CAGLIARI

Soffre (terribilmente) ma vince e (qui sta il bello) provoca travasi di bile ai commentatori delle TV di regime e a qualche milione di anti Juventini.

I migliori: Zanetti (che il Signore gli conservi la salute), Buffon (non parerà i rigori ma siamo sicuri che agiterà a lungo il sonno di Bianco) e Camoranesi (entra nel secondo tempo e mette il piede, o la schiena, in tutti e tre i gol. Ma il piede che mette in occasione del secondo gol... ).

CAGLIARI-JUVENTUS 2-3 (guarda il video)

RETI: 9' s.t. Trezeguet, 11' e 36' s.t. Foggia (rigori), 31' s.t. Del Piero, 45' s.t. Chiellini

CAGLIARI: Fortin; Pisano (29' s.t. Ferri), Lopez, Bianco, Del Grosso; Foggia, Conti, Parola, Fini (34' s.t. D’Agostino); Larrivey, Matri (20' s.t. Acquafresca)
A disposizione: Koprivec, Canini, Budel, Biondini
Allenatore: Giampaolo

JUVENTUS: Buffon; Zebina, Andrade, Criscito (1' s.t. Legrottaglie), Chiellini; Salihamidzic (4' s.t. Camoranesi), Zanetti, Almiron (42' s.t. Nocerino), Nedved; Del Piero, Trezeguet
A disposizione: Belardi, Molinaro, Tiago, Palladino
Allenatore: Ranieri.

AMMONITI: 33' p.t. Zanetti, 36' p.t. Del Grosso, 44' p.t. Zebina, 17' s.t. Nedved, 28' s.t. Conti, 33' s.t. Legrottaglie

ESPULSI: 36' s.t. Zebina, 38' s.t. Del Grosso

ARBITRO: Tagliavento di Terni

sabato, settembre 01, 2007

IL NUOVO PROGETTO DI MB





Difendere la storia della Juve, scoprire e divulgare la verità su Calciopoli;
Promuovere iniziative e proposte per restituire la Juve a gente veramente competente e preparata;
Difendere la Juve in maniera vigorosa, energica, sarcastica, polemica, anticonformista;
Denunciare le storture e brutture dei media e di questo calcio siliconato;
Denunciare i finti onesti, gli incoerenti, i giornalisti in malafede, i voltagabbana, i politici opportunisti e i maggiordomi del potere...

... sono solo alcuni dei temi portanti del nuovo progetto editoriale di Magazine Bianconero.

Per contribuire a sostenere l'iniziativa o solo per saperne di più... clicca QUI

venerdì, agosto 31, 2007

IL RITIRO DEL RICORSO AL TAR

Il 31 agosto 2006, esattamente un anno fa', il nuovo famigerato CdA Juve decideva di ritirare il ricorso al TAR tradendo così le aspettative di milioni di tifosi che fremevano in attesa di risvegliarsi da un terribile incubo. Era l'incubo della retrocessione in serie B e dello scippo di due scudetti vinti con la stessa superiorità e lo stesso spirito che, poco meno di due mesi prima, avevano permesso all'Ital-Juve di trionfare in Coppa del Mondo a Germania 2006.

Dal libro "Juventus. Il processo farsa" di Mario Pasta e Mario Sironi (lo abbiamo già segnalato, il libro non può mancare nella raccolta di uno Juventino vero) riportiamo di seguito uno dei frammenti più significativi sul ritiro del ricorso al TAR.
Nonostante il ritiro del ricorso e le sue argomentazioni sembrino davvero rafforzare le aspettative della Juventus, dei suoi tifosi e dei tifosi della giustizia, accade qualcosa di clamoroso. Il 31 agosto, infatti, la Juventus ritira il ricorso al TAR motivando la scelta con un non meglio precisato "nuovo atteggiamento di apertura" da parte delle istituzioni sportive.
Clamoroso, abbiamo detto. E incomprensibile.
Perfino il neoallenatore della squadra, Didier Deschamps, e il capitano Alessandro Del Piero si sbilanciano e dichiarano il loro stupore per questa inattesa marcia indietro. Affermano, comunque, di avere fiducia nella società e nel fatto che i dirigenti abbiano ben valutato.
Ma valutato cosa? Forse la Juventus ha ritenuto che sarebbe stato impossibile reggere l'urto di giornali e tv schierati come un sol uomo contro la decisione di ricorrere al TAR? Forse ha influito il timore del pensiero di un eventuale giudizio di fronte al TAS di Losanna, organo sportivo di giudizio europeo? O forse il timore del possibile esito negativo del ricorso?
In proposito, rispondiamo con un brano dell'intervista rilasciata il 4 ottobre 2006 a Tuttosport dal professor Antonio Baldassarre, ex presidente della Corte Costituzionale:
"E' inconcepibile che non ci sia la minima garanzia per chi deve difendersi. La Juventus, in quanto società per azioni, se avesse voluto impugnare le sentenze di fronte a un giudizio ordinario probabilmente avrebbe avuto ottime chance di vittoria e, di riflesso, avrebbe fatto crollare questo sistema. Da uomo di diritto se mi fosse stata sottoposta la sentenza su calciopoli in sede di Corte Costituzionale l'avrei definita del tutto sbagliata".

domenica, agosto 26, 2007

JUVENTUS - LIVORNO (5-1)











Stiamo con i piedi per terra, abbiamo battuto il Livorno di Tavano e dei gemelli Filippini, mica il Barcellona di Messi e Ronaldinho. Comunque una Juve "così" non la vedevamo da tempo. David Trezeguet (tripletta) e Pavel Nedved (asfaltatore) su tutti. Niente di nuovo invece sul fronte dei rigori a nostro favore: la regola è sempre "paghi tre, prendi uno", ma le moviole e i commentatori di regime avanzeranno dubbi perfino sulla regolarità del "sasae tsurikomi ashi" di Grandoni su Iaquinta.

JUVENTUS - LIVORNO 5-1 (Guarda il video)

RETI: 29' p.t., 42' s.t. e 47' s. t. Trezeguet, 26' s. t. 40' s.t. Iaquinta, 49' s. t. Loviso

JUVENTUS: Buffon; Salihamidzic (29' s.t. Zebina), Andrade, Criscito, Chiellini; Nocerino, Zanetti, Almiron (34' s. t. Tiago), Nedved; Del Piero (15' s. t. Iaquinta), Trezeguet
A disposizione: Belardi, Molinaro, Camoranesi, Palladino
Allenatore: Ranieri

LIVORNO: Amelia; Grandoni, Knezevic, Galante, Pasquale; Antonio, Filippini (11' s. t. Volpe), Loviso, Pulzetti, Emanuele Filippini; Rossini (29' s.t. Diamanti), Tavano (8' s. t. Tristan)
A disposizione: De Lucia, Balleri, Pavan, Vidigal
Allenatore: Orsi

AMMONITI: 32' p.t. Pasquale, 41' p.t. Zanetti, 45' p.t. Loviso, 25' s. t. Gradoni, 26' s.t. Iaquinta, 35' s. t. Nocerino

ARBITRO: Gava di Conegliano Veneto

venerdì, agosto 24, 2007

DAREMO FASTIDIO A TUTTI

Da una recentissima intervista a G. Conigli G.

Stampa: “Non tutti i tifosi sono convinti che questa Juventus possa competere ad altissimo livello”

G. Conigli G.: "Siamo convinti di aver costruito una squadra in grado di dare fastidio a tutti”… (… una squadra a nostra immagine e somiglianza... ndr.)

Quanto fastidio sarà in grado di procurare al Livorno questa Juve? Questo è il risultato del vostro pronostico:


giovedì, agosto 23, 2007

PRENDI 2 PAGHI 1

Blasi e Zalayeta ceduti in comproprietà al Napoli rispettivamente per 2,5 e per 2 milioni di Euro.
Per competenza e senso degli affari c'è solo un modo per definire i responsabili di tale cessione: "interisti e accattoni" !!!

martedì, agosto 07, 2007

UN POSTO IN CURVA SCIREA PER L'ONESTO MINIMO

Dopo questa intervista rilasciata a Tuttosport Minimo Moratti potrebbe sedersi tranquillamente anche in curva Scirea il prossimo 4 Novembre...

lunedì, agosto 06, 2007

L'ULTIMO RIGORE












“L’ultimo”… sono quelle cose che ti vengono in testa. Tutti m’han chiesto “come mai Grosso l’ultimo?”… perché Grosso è l’uomo dell’ultimo minuto. Ha fatto il rigore al 94° con l’Australia, ha fatto gol al 118° con la Germania… Gli ho detto fai l’ultimo gol… l’ultimo rigore...

Marcello Lippi (CT della Juventus Campione del Mondo a Germania 2006)

sabato, agosto 04, 2007

FAMOUS LAST WORDS

Stralcio da un intervista a Walter Novellino, allenatore del Torino (pure la rima...)
« L’allenatore del­l’altra squadra di Torino... ( Ranieri, ndr), ha detto che queste amichevoli servono per verificare gli errori e che loro preferi­scono fare tutto ciò contro le grandi anche a costo di fare brut­te figure. Io invece non voglio fare nessuna brutta figura. Per me le ami­chevoli non esistono. Certo che conterà anche il risultato: è importante. E col risultato io voglio da­re al più presto un volto preciso al Toro. E’ il mio modo di pensare. Non mi nascondo, non sono un ipocrita. Sono concreto, deci­so. So che squa­dra ho in mano: una rosa che mostra una disponibilità magnifica, che ha tante bel­le qualità »
Tottenham - Torino 2-0 (ndr.) ...

mercoledì, agosto 01, 2007

INTRA-COMPANY TRANSFER

"Giuliano Giannichedda è ufficialmente un giocatore del Livorno. Il centrocampista ex Juve sarà presentato oggi. Lo ha annunciato oggi la società amaranto."

Domanda: com'è che i nostri giocatori passano tutto a un tratto ad altre società, come si trattasse di trasferimenti intra-company, mentre quelli che arrivano da noi costano tutti non meno di 10 milioni di Euro? Ai leporidi l'ardua sentenza.

martedì, luglio 31, 2007

LA PRIMA IN CASA COL LIVORNO

Riparte dall’Olimpico di Torino, con una sfida interna contro il Livorno, il campionato 2007/08 della Juventus.

Le gare più attese: contro la Roma il primo scontro diretto alla 4ª, due turni dopo ecco il derby con il Torino, all’11ª all’Olimpico arriverà l’inter e alla 14ª la Juve farà visita al Milan. La prima trasferta a Cagliari, l’ultima di campionato a Genova con la Sampdoria.

Ecco il quadro completo con tutte le gare:

1ª giornata: Juventus-Livorno
2ª giornata: Cagliari-Juventus
3ª giornata: Juventus-Udinese
4ª giornata: Roma-Juventus
5ª giornata: Juventus-Reggina
6ª giornata: Torino-Juventus
7ª giornata: Fiorentina-Juventus
8ª giornata: Juventus-Genoa
9ª giornata: Napoli-Juventus
10ª giornata: Juventus-Empoli
11ª giornata: Juventus-Inter
12ª giornata: Parma-Juventus
13ª giornata: Juventus-Palermo
14ª giornata: Milan-Juventus
15ª giornata: Juventus-Atalanta
16ª giornata: Lazio-Juventus
17ª giornata: Juventus-Siena
18ª giornata: Catania-Juventus
19ª giornata: Juventus-Sampdoria

domenica, luglio 22, 2007

IL PICCOLO FENOMENO DELLO UNITED

Stralcio da un trafiletto di Tgcom.

"Si Chiama Rahin Davis, non ha ancora compiuto 10 anni, è di nazionalità britannica, ma vive in Australia. Il Manchester United gli ha già messo gli occhi addosso e se lo porterà in Inghilterra offrendogli una borsa di studio. E' uno spettacolo da vedere, è un destro naturale ma quando serve usa anche il sinistro. Finte, doppi passi, dribbling, ha un repertorio incredibile per uno della sua età e rispetto ai suoi coetanei è anche velocissimo. Sui campetti australiani sembra divertirsi, lo farà anche su quelli inglesi?"

Ne siamo certi, se qualcuno dei suoi compagni di squadra non lo strozzerà prima... (ndr.)

Guarda il video.

sabato, luglio 14, 2007

UN ANNO DI BLOG


Esattamente un anno fa', stessa-ora-stesso-minuto, pubblicavamo il post qui sopra: il primo post di Juventiniveri.

La Juve di Buffon, Cannavaro, Zambrotta, Camoranesi e Del Piero (e Ferrara e Lippi...), reduce dal trionfo in Coppa del Mondo a Germania 2006, sarebbe stata di li a poco annientata e retrocessa in serie B per presunti illeciti dei quali ancora oggi non è emerso uno straccio di prova.

Grazie agli intrallazzi politici di Moratti e Tronchetti la Federcalcio veniva commissariata e all'interista Guido Rossi, commissario speciale, veniva affidato il compito di riscrivere le "regole del calcio". Risultato: due scudetti, stravinti sul campo, revocati alla Juve e scudetto 2005-2006 assegnato a tavolino all'inter o, se preferite, a "tavolinter": lo scudetto che Piagnisteo Mancini stava per l'appunto elemosinando quel 14 Luglio 2006.

Da allora molti fatti sono accaduti e non staremo adesso a ripercorrerli. Basta scorrere questo blog o quello di altri appassionati Juventini per sapere come è andata esattamente.

Ma passiamo all'autocelebrazione, ai numeri di Juventiniveri.

In un anno abbiamo pubblicato 193 post su "Juventiniveri" (JV), 94 su "inter? No Grazie!" (iNG) e 123 articoli sulla nostra "Rassegna Stampa", articoli presi per lo più da Tuttosport e da Libero.

Abbiamo montato e caricato 63 video su YouTube che sono stati guardati per un totale di 254 mila volte.

I nostri blog hanno ospitato complessivamente 13 mila visitatori (7 mila su JV, 6 mila su iNG) provenienti in prevalenza dall'Italia ma anche da USA, Cina, Russia, Brasile, Argentina, Colombia, Canada, UK, Francia, Belgio, Germania, Polonia, Korea e ce ne dimentichiamo di sicuro molti altri.

Abbiamo avuto accessi anche da reti "prestigiose" come quelle del "Ministero della Pubblica Istruzione" (...), "Ministero del Tesoro" (...), "Grande Stevens Studio Legale" (toh... chi si vede!), "Federazione Italiana Giuoco Calcio" (si, proprio "Giuoco"), "Google Inc." (California, Mountain View), etc.

E infine abbiamo avuto il piacere di vedere pubblicati due nostri post su Tuttosport e su Libero, rispettivamente il 12 Settembre e il 24 Novembre 2006.

BUON COMPLEANNO JUVENTINIVERI...!!!

venerdì, luglio 13, 2007

UNA RICETTA PER TUTTE LE STAGIONI

Non siamo grandi cultori della cucina di Romabianconera ma dobbiamo ammettere che questo loro "piatto del giorno" è una vera delizia!

Clicca qui

mercoledì, luglio 11, 2007

CAMPIONI DEL MONDO GRAZIE A LUCIANO MOGGI

Sentite che cosa scrive su Tgcom uno dei più noti "leccapiedi dei potenti di turno", Paolo Liguori, a proposito della notizia sul rinvio a giudizio di Luciano Moggi da parte della Procura di Napoli.
"... non c'erano solamente le gare di campionato, c'è di mezzo anche la maglia azzurra, perchè Moggi e soci lavoravano perchè "venissero fornite specifiche indicazioni sulla composizione della formazione della Nazionale italiana di calcio", in modo da assecondare "i contingenti interessi della Juventus".
Lo dicevamo che il merito della vittoria ai mondiali di Germania 2006 da parte della Ital-Juve era da attribuire principalmente a Luciano Moggi (ndr.) ...

E ancora:
"All'interno delle ricostruzioni dei Pm si fa riferimento anche Juventus-Parma del 1999/2000 (quella del gol di Cannavaro annullato da De Santis allo scadere) come la madre di tutte le partite truccate."
Talmente truccata quella partita che il gol di testa di Fabio Cannavaro scaturì da un calcio d'angolo inventato di sana pianta dallo stesso arbitro De Santis (ndr.)

BUON COMPLEANNO LUCIANO!

I nostri più sinceri auguri per i tuoi 70 anni.

sabato, luglio 07, 2007

L'AGENDA DI LAPO

"Lo abbiamo invitato alla presentazione, aveva degli impegni e non è potuto venire" ha confidato Sergio Marchionne a chi gli faceva notare l'assenza del Ram Pollo al battesimo internazionale della nuova Fiat 500...

PÖR NAN

"Le penalità che la Juve ha subìto non le ha avute per niente, c’erano stati comportamenti giudicati inaccettabili e come tali sono stati puniti dalle autorità sportive".

“Le spese di Moggi e Giraudo erano insostenibili, avevano supplito con le plusvalenze ma non si poteva continuare così”.

Jaki “Robbiolina” Elkann

giovedì, giugno 28, 2007

LA GIUSTIZIA E' UGUALE PER TUTTI, MA...

Due differenze sostanziali tra la posizione della Juventus nello scandalo “calciopoli” e quella dell’inter in “bilanciopoli”.

A carico della Juve finora non è emersa alcuna prova di illecito che sia una, mentre la falsificazione del bilancio dell’inter (così come era già avvenuto per il passaporto e la patente - rubata - di Recoba) è un fatto documentato e dimostrabile.

La Juve è stata vittima di un linciaggio mediatico senza precedenti che è costato lo smantellamento della squadra, la revoca di due scudetti (uno dei quali paradossalmente assegnato ai “professionisti della prescrizione”), la retrocessione in serie B con –19 punti e un conseguente danno economico di svariate decine di milioni di Euro.

Lo scandalo che oggi coinvolge l’inter (e il Milan ndr.) viene invece commentato, nella migliore delle ipotesi, con questi toni:
“Da scongiurare la revoca dello Scudetto 2006, punti di penalizzazione o retrocessione, perchè sarà compito arduo per il capo dell'Ufficio Indagine trovare lacune nella documentazione dei nerazzurri presentata alla Covisoc, perché quest'ultima controlla più che altro la regolarità formale dei numeri e da questo punto di vista l'Inter non ha da temere. Borrelli, dunque, sarà costretto a misurarsi con un'indagine oscura sotto molteplici punti di vista poiché tutto è molto relativo con le valutazioni dei giocatori che non sono standard e concordate ma dipendono dal valore attribuito dalle società. Per cui ci si concentrerà sui "benefit" ottenuti dalle società sulla base di quanto già stabilito da Nocerino, come il caso portato ad esempio di Crespo, Semioli e Morfeo svalutati troppo secondo il pm milanesi all'atto della cessione. La complessità della vicenda è tale da mettere a dura prova gli uomini di via Allegri.”
Toni giustizialisti, quasi forcaioli quelli dei "giornalisti" di Tgcom…: “sarà compito arduo per il povero Torquemada… e per i suoi uomini di via Allegri… misurarsi con un’indagine oscura…”

Ma vedete di andarvene affan…. e sempre W Moggi!

martedì, giugno 26, 2007

ULTIM'ORA: TREZEGUET RIMANE GRAZIE A BETTEGA

Proprio così, Avete letto bene !

La notizia è stata diffusa dal radio giornale di RADIO CAPITAL (www.radiocapital.it) questa mattina alle ore 9:00 AM, l'annunciatore ha detto testualmente: "l'ultimo regalo di Bettega alla Juve è il rinnovo del contratto di Trezeguet, dopo soli cinque giorni dall'annuncio dell'addio del giocatore, per una cifra vicina ai 4,5 milioni di Euro. E' stato infatti Bettega a convincere il giocatore dopo una lunga trattativa condotta personalmente".

Per la cronaca Bettega lascerà la Juve il 30 Giugno prossimo in quanto il Coniglio interista non gli ha voluto rinnovare il contratto.

TREZEGUET RINNOVA FINO AL 2011!

Siamo sulla buona strada. Adesso alla nostra cara dirigenza non resta che svolgere questo compitino facile facile:
  1. Costringere Minimo Moratti e Tronchetti Provera a disseppellire i tabulati con le prove delle telefonate di Facchetti & Co. a designatori, arbitri, guardalinee etc.;
  2. Far spedire l’inter in interregionale, l’unica serie che le si addice;
  3. Farsi restituire i due scudetti scippati;
  4. Farsi restituire Ibra e Vieira a parametro zero;
  5. Confessare di aver favorito la vittoria dello Spezia (di Moratti) e far restituire la meritata serie B all’Arezzo di Conte;
  6. Abbandonare definitivamente l’idea di integrare nel CDA Juve ex giocatori del calibro di Antonio Cabrini, Domenico Marocchino, Alessandro Altobelli etc.;
  7. Reintegrare nell’organigramma societario la più grande bandiera della Juve degli ultimi 30 anni, Roberto Bettega;
  8. Fare pubbliche scuse a Luciano Moggi e Antonio Giraudo per il trattamento loro riservato nel corso di questi ultimi undici mesi;
  9. Convincere i ram polli El Can che la Juve può fare tranquillamente a meno di loro;
  10. Togliersi definitivamente dai piedi e restituire la Juve agli Juventini veri e capaci.